Leggera flessione in Emilia Romagna per le imprese femminili

È questa la sintesi dai dati del Registro delle imprese delle Camere di commercio elaborati da Unioncamere Emilia-Romagna.

Al 31 marzo scorso in Emilia-Romagna, le imprese attive femminili erano 84.484, pari al 20,9 per cento del totale delle imprese regionali, con una leggera flessione (-55 unità, pari a un -0,1 per cento) rispetto alla stessa data del 2016. Gli effetti della crisi passata si riflettono di più sulle imprese non femminili, che sono risultate 2.675 in meno (-0,8 per cento). In generale, le imprese hanno mostrato una tendenza migliore a livello nazionale e proprio quelle femminili (1.152.271) sono cresciute dello 0,3 per cento. Le imprese in rosa sono aumentate nella metà delle regioni italiane. L’incremento è stato più rapido in Basilicata e in Calabria (+1,4 per cento per entrambe). L’Emilia-Romagna è risultata undicesima per crescita. È questa la sintesi dai dati del Registro delle imprese delle Camere di commercio elaborati da Unioncamere Emilia-Romagna.

Settori di attività economica. Tendenze ampiamente divergenti a livello settoriale si sono compensate. Crescono le imprese dell’insieme dei servizi (+0,4 per cento, +250 unità), nonostante la rilevante eccezione dell’insieme del commercio (-319 unità, -1,4 per cento), grazie soprattutto all’incremento delle imprese di alloggio e ristorazione (+163 unità, +1,8 per cento). e delle altre attività (+134 unità, +1,4 per cento), trainate dai servizi alla persona. Aumentano lievemente quelle dell’industria (+0,5 per cento). All’opposto si contrappone la crisi dell’agricoltura (-288 unità, -2,2 per cento) e delle costruzioni (-1,7 per cento).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La forma giuridica. L’incremento delle imprese femminili è da attribuire alle società di capitale, aumentate in misura più contenuta rispetto al recente passato (+424 unità, pari al 3,1 per cento), grazie anche all’attrattività della normativa delle società a responsabilità limitata, che motiva anche la sensibile riduzione delle società di persone (-419 unità, -3,1 per cento). Le ditte individuali hanno mostrato una maggiore tenuta e hanno subito solo una lieve flessione dello 0,1 per cento (-73 unità), rispetto a dodici mesi prima. Le cooperative e i consorzi hanno fatto registrare una discreta crescita (+1,0 per cento).

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -