Mirafiori, Sacconi: ''Accordo non sarà riaperto''

Mirafiori, Sacconi: ''Accordo non sarà riaperto''

Mirafiori, Sacconi: ''Accordo non sarà riaperto''

ROMA - L'accordo di Mirafiori "dà l'impulso a cambiare le relazioni industriali, troppo spesso viziate da un sovraccarico ideologico". Si tratta di un cambiamento che "deve riguardare la grande dimensione produttiva, che nel nostro Paese è poca". E' quanto ha affermato il ministro del Lavoro, Maurizio Sacconi, commentando l'esito del referendum. Sacconi ha inoltre risposto a distanza alla Fiom, evidenziato che l'accordo "ovviamente non sarà riaperto".

 

"Quello che si può chiedere ragionevolmente ancora a Marchionne è di far evolvere ulteriormente, anche da parte aziendale, gli strumenti partecipativi che coinvolgono i lavoratori oltre ad una gestione attenta delle risorse umane", ha aggiunto il ministro. Intervenendo a "In mezz'ora", su Rai Tre, il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso, ha detto che sarà valutato se ci sarà un rigorso alla magistratura.

 

Camusso ha aggiunto che ''una clausola che impedisce a un lavoratore di partecipare ad uno sciopero è un tema che sicuramente arriva sino alla Corte Costituzionale'' perché ''siamo di fronte a dei diritti che non sono disponibili né a un'impresa né a un sindacato''. Comunque, prosegue, ''non è sufficiente dire che ricorreremo alla magistratura'' perché ''non si può affidare la rappresentanza sindacale'' alla magistratura.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -