Mobilitazione dei balneari: "Situazione di precarietà, serve una nuova legge"

Domenica 26 agosto si svolgerà la giornata di mobilitazione nazionale degli stabilimenti balneari per sensibilizzare i clienti e l’opinione pubblica sull'incertezza in cui versa la balneazione attrezzata italiana

Domenica 26 agosto si svolgerà la giornata di mobilitazione nazionale degli stabilimenti balneari per sensibilizzare i clienti e l’opinione pubblica sull'incertezza in cui versa la balneazione attrezzata italiana. Questa iniziativa è stata promossa dal Sib, Sindacato Italiano Balneari aderente alla Fipe/Confcommercio, che associa 10.000 imprese balneari del nostro Paese.

“Le nostre imprese vivono da troppo tempo una situazione di grande incertezza e precarietà a seguito del recepimento, nel nostro Paese, della Direttiva Europea – interviene Simone Battistoni Presidente del Sib Emilia Romagna - Dopo nove anni nulla è stato fatto dallo Stato tranne una proroga delle concessioni che scadrà il 31 dicembre 2020. E’ urgente un’iniziativa legislativa da parte del Governo che recepisca le ragioni delle imprese balneari al fine di salvaguardare il turismo “Made in Italy". Le ultime dichiarazioni del Ministro Centinaio riguardanti la costituzione, a settembre, di un gruppo di lavoro per risolvere il problema ci fanno ben sperare. Vogliamo che questa giornata di mobilitazione possa sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importante ruolo che ricoprono gli stabilimenti balneari, per arrivare al più presto a una legge organica di riforma che possa tutelare le imprese e salvaguardare la peculiarità del turismo balneare italiano che costituisce una parte importante di quel ‘Made in Italy’ che è un modo di fare vacanza imitato in tutto il mondo".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -