Monito della Bce: ''Ripresa lenta, occorre risanare i conti pubblici''

Monito della Bce: ''Ripresa lenta, occorre risanare i conti pubblici''

Monito della Bce: ''Ripresa lenta, occorre risanare i conti pubblici''

BRUXELLES - Occorre un'azione decisa per risanare i conti pubblici, anche perchè la crisi potrebbe frenare la crescita. Attraverso il bollettino di maggio, la Banca centrale europea esorta "i governi a intraprendere un'azione incisiva per conseguire il risanamento durevole e credibile delle finanze pubbliche". Sulla ripresa peseranno "il processo di risanamento dei bilanci" in vari settori, la bassa utilizzazione della capacità produttiva e il mercato del lavoro debole.

 

Secondo l'Eurotower il risanamento dei conti pubblici "dovrà superare in misura considerevole l'aggiustamento strutturale dello 0,5 per cento del Pil su base annua stabilito come requisito minimo nel Patto di stabilità e crescita. Per contro, ha aggiunto la Bce "la rapida attuazione di piani di risanamento ad ampio spettro rafforzerà la fiducia del pubblico nella capacità dei governi di restituire sostenibilità alle finanze pubbliche, ridurrài premi per il rischio intrinseci ai tassi di interesse e quindi favorirà la crescita durevole nel medio periodo".

 

Riviste al ribasso le stime sul Pil nell'area euro per il 2010 e per il prossimo anno. Le nuove previsioni indicano una crescita dell'1,1% per quest'anno e dell'1,5% nel 2011 e, per entrambi gli anni, si tratta di una revisione all'ingiù di 0,1 punti percentuali. L'inflazione dovrebbe collocarsi all'1,4% nel 2010, con una crescita di 0,1 punti percentuali rispetto ai risultati del primo trimestre del 2010, e rimanere invariata all'1,5% nel 2011.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -