Niente contributo al Fmi, la Gran Bretagna si sfila ancora

Il governo guidato dal premier David Cameron, infatti, dopo aver rinunciato a sottoscrivere i nuovi trattati decisi al super-summit dell'8-9 dicembre a Bruxelles, si sfila anche dal contributo da versare al Fondo Monetario

Ancora divisioni a livello europeo. E ancora una volta a smarcasi dalla visione comunitaria è la Gran Bretagna. Il governo guidato dal premier David Cameron, infatti, dopo aver rinunciato a sottoscrivere i nuovi trattati decisi al super-summit dell'8-9 dicembre a Bruxelles, si sfila anche dal contributo da versare al Fondo Monetario Internazionale per sostenere il fondo salva-Stati.

Si tratta di una misura necessaria per far fronte alla crisi del debito che riguarda tanti Paesi dell'Area Euro, di cui però l'Inghilterra non fa parte e dunque prosegue la propria azione di indebolimento della moneta unica a favore di una sterlina che certo fino ad oggi non se l'è passata meglio.

Così dei 200 miliardi necessari, i ministri dell'Eurogruppo sono riusciti a strappare il contributo di 13 Paesi per un importo di 150 miliardi. L'Italia con i suoi 23,48 miliardi sarà il terzo maggiore contribuente mettendo a disposizione il 15,66% dei 150 miliardi totali, dopo la Germania che metterà 41,5 miliardi (27,67% del totale) e Parigi con 31,4 (20,94% del totale).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -