Obama respinge piano colossi auto: ''servono sacrifici''

Obama respinge piano colossi auto: ''servono sacrifici''

Obama respinge piano colossi auto: ''servono sacrifici''

Il presidente degli Usa Barack Obama ha respinto il piano di salvataggio presentati colossi automobilistici americani General Motors e Chrysler, concedendo loro altro tempo per presentare "un piano migliore". "Non vogliamo, non possiamo e non lasceremo l'industria automobilistica americana scomparire", ha dichiarato il capo della Casa Bianca. Secondo Obama "Chrysler ha bisogno di un partner" per sopravvivere, concedendo 30 giorni per finalizzare un accordo con Fiat.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Al colosso automobilistico ha offerto la possibilità di dare "fino a sei miliardi di dollari federali" se le due compagnie raggiungeranno un "accordo solido che protegga i consumatori americani". «La Fiat - continuato Obama - porterà in dote nuove tecnologie per contribuire allo sviluppo di nuove auto a minori consumi". "Se un tale accordo non sarà raggiunto, e in assenza di un'altra partnership, non saremo in grado di giustificare investimenti di ulteriori fondi dei contribuenti per tenere Chrysler in attività", ha aggiunto.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -