Parte con una crescita moderata l’export dei distretti dell’Emilia Romagna

Sono questi i principali dati che emergono dal Monitor dei distretti industriali dell’Emilia Romagna curato dalla Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo

Parte con una crescita moderata dello 0,4% l’export dei distretti dell’Emilia Romagna nei primi tre mesi del 2016, secondo un ritmo comunque positivo rispetto sia ai distretti italiani (-0,9%) che al manifatturiero regionale (-0,3%). Sono questi i principali dati che emergono dal Monitor dei distretti industriali dell’Emilia Romagna curato dalla Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo.

“A condizionare il rallentamento dell’export regionale è stata la debolezza della domanda da parte dei mercati emergenti (-8,6%). - commenta Luca Severini, direttore regionale di Intesa Sanpaolo –  In particolare, si conferma il momento difficile dell’export in Russia e subiscono un forte deterioramento i flussi verso il mercato cinese. Prosegue, al contrario, il trend positivo sui mercati maturi (+5,1%), trainato dalle buone performance osservate sui mercati statunitense (+15%) e francese (+5,4%).”

Dall’analisi per singolo distretto emerge un quadro a luci e ombre: chiudono il trimestre positivamente 7 distretti su 18 e si confermano i segnali positivi di alcuni dei principali distretti della regione. E’ proseguito il trend positivo delle piastrelle di Sassuolo (+11,2%), che ha beneficiato del vivace andamento sul mercato statunitense, e dei ciclomotori di Bologna (+33,1%), trainato dalle vendite in Germania, Stati Uniti, Francia e Gran Bretagna. Nel settore della meccanica, ai risultati positivi dei distretti dei ciclomotori di Bologna, delle macchine per il legno di Rimini (+28,1%) e delle macchine per l’industria ceramica di Modena e Reggio Emilia (+14,2%, secondo i dati ACIMAC) si contrappongono il rallentamento dell’export delle macchine agricole di Modena e Reggio Emilia (-0,5%), i dati negativi dei distretti delle macchine per l’imballaggio di Bologna (-15,7%), della food machinery di Parma (-20,5%) e delle macchine utensili di Piacenza (-25,9%).

Anche nel settore alimentare il quadro è eterogeneo. Hanno registrato una crescita il lattiero caseario di Reggio Emilia (+14,5%), i salumi di Parma (+5,8%) e il lattiero-caseario parmense (+17%). In calo invece l’ortofrutta romagnola (-1,3%), l’alimentare di Parma (-2,9%), i salumi del modenese (-6,1%) e i salumi di Reggio Emilia (-37,5%). Nel sistema moda segnali positivi per l’abbigliamento di Rimini (+11%), mentre chiudono il primo trimestre del 2016 negativamente la maglieria e abbigliamento di Carpi (-5,4%) e le calzature di San Mauro Pascoli (-7,6%). Dopo timidi segnali di ripresa osservati nel 2015, frena l’export dei mobili imbottiti di Forlì (-6,5%).

Chiudono con una crescita delle esportazioni superiore alla dinamica nazionale i poli tecnologici regionali (+7,9% versus +3,8%). Ancora trainante il polo ICT di Bologna e Modena (+6,7%), che è cresciuto su importanti mercati, Stati Uniti, Germania, Spagna e Francia, mentre ha registrato un calo in Cina. Bene anche il polo biomedicale di Mirandola (+5%). Ha poi evidenziato una buona accelerazione l’export del polo biomedicale di Bologna (+18,6%) grazie a ottime performance, in particolare sui mercati tedesco e francese, e al balzo delle vendite in Iraq.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lo scenario sul mercato del lavoro, analizzato attraverso i dati di CIG, resta complesso. Nei primi 5 mesi del 2016 il ricorso alle ore di Cassa Integrazione Guadagni delle imprese dei distretti regionali ha evidenziato un aumento del 43,9% delle ore autorizzate, portando il monte ore a 6,9 milioni, su livelli che rimangono storicamente elevati. Tale trend è il risultato di un aumento generalizzato della richiesta di ore di CIG e in particolare di quella straordinaria, che sottende fenomeni di crisi strutturali.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -