Pil, nel 2011 crescita ridotta all'1,1%

Pil, nel 2011 crescita ridotta all'1,1%

Pil, nel 2011 crescita ridotta all'1,1%

ROMA - Il Ministero del Tesoro ha abbassato le stime di crescita del pil italiano per i prossimi anni. Nel 2011 l'Italia crescerà dell'1,1%, in calo dello 0,2% rispetto alla precedente previsione di settembre che era dell'1,3%. Nel 2012 la crescita stimata è dell'1,3% (in calo rispetto al 2%), nel 2013 dell'1,5% (dal 2%) e nel 2014 dell'1,6%. I dati sono parte del nuovo quadro macroeconomico del governo, che sarà presentato oggi insieme al piano delle riforme.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sono state confermate le stime sul rapporto deficit/pil italiano che nel 2011 si attesterà, come concordato con l'Europa, al 3,9%, nel 2012 al 2,7%, nel 2013 all'1,5% con un sostanziale pareggio nel 2014. Rivisto al rialzo il rapporto debito/pil: al 120% nel 2011, al 119,4% nel 2012 (117,5%), al 116,9% nel 2013. Sul fronte lavoro, gli occupati crescerebbero dello 0,3%; mentre il tasso di disoccupazione si stabilizzerebbe all'8,4% per poi ridursi gradualmente all'8,1% nel 2014.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -