Se il conto diventa �su misura�

Se il conto diventa “su misura”

Dimmi che operazioni fai e ti dirò che conto sei. Una piccola ma preziosa massima per orientarsi fra le tante offerte di conto corrente bancario che sono in circolazione. I tempi in cui c?era solo "il" conto bancario e le condizioni le stabiliva la banca una volta e per tutte, son finiti da un pezzo. Oggi i conti sono un po? come i vestiti: sono pensati per le varie taglie e gusti. E quindi c?è quello per chi fa pochissime operazioni al mese oppure quello per chi movimenta vorticosamente i propri soldi ma anche quello per i tipi tecnologici, che "operano" da internet o quello per chi ama giocare in borsa.

 

Comunque - e qui torniamo alla "massima" di sopra - sono sempre la quantità e la qualità delle operazioni che si fanno abitualmente a fare la differenza. Quante operazioni in media si faranno nel corso dell?anno? Quanti i prelievi con assegni? Quanti i prelevamenti Bancomat, le domiciliazioni delle utenze (luce, gas, telefono), e gli addebiti relativi all?utilizzo della carta di credito? Ognuna di queste operazioni, ovviamente, ha un costo, e questi costi sono trattati diversamente a seconda del tipo di conto da scegliere: possono essere interamente compresi in un canone, non compresi affatto, compresi sino a un dato numero. Accanto a questo vanno tenuti presente i servizi accessori come l?operatività on line, la gestione dei titoli. Anche in questo caso ci sono dei costi che vanno valutati.

 

Innanzitutto ci sono due macrotipologie di conto corrente: il conto corrente ordinario, che prevede il pagamento di tutti i servizi e le operazioni effettuate, e il conto corrente a pacchetto, caratterizzato da un numero forfettario di operazioni gratuite comprese nel canone annuale e da agevolazioni sui prezzi dei singoli servizi.

 

Per scegliere bene bisogna quindi tracciare il proprio identikit e, su questa base scegliere la tipologia di conto corrente più adatta alle proprie esigenze, e sopratutto più economica. E a proposito di economicità, in genere, i conti correnti che costano meno sono quelli viaggiano su Internet, che offrono, tra l?altro, un tasso d?interesse sulla giacenza in conto superiore a quello dei conti correnti „tradizionali?, unitamente a spese di gestione del conto che tendono ad azzerarsi in funzione del suo utilizzo. Presso le filiali del Gruppo UniCredit sarà possibile valutare e confrontare varie offerte e opportunità in fatto di conti correnti, approfondendo l?argomento nei dettagli. 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -