Ottimismo per la stagione della vendemmia: "Annata ideale per la qualità"

Lo comunica Coldiretti Emilia Romagna, sottolineando che "il favorevole andamento della stagione ha creato le condizioni ideali per la qualità delle uve e del vino ed ha portato ad un aumento medio delle produzioni del 5 per cento rispetto al 2014

Con l’arrivo di settembre comincia ad entrare nel vivo la vendemmia 2015 che si presenta come una delle migliori degli ultimi anni in termini di qualità e buoni risultati anche in quantità. Lo comunica Coldiretti Emilia Romagna, sottolineando che "il favorevole andamento della stagione ha creato le condizioni ideali per la qualità delle uve e del vino ed ha portato ad un aumento medio delle produzioni del 5 per cento rispetto al 2014, quando furono raccolti 8,3 milioni di chilogrammi di uva per una produzione di 6,3 milioni di ettolitri di vino".

"La primavera piovosa e l’estate torrida – informa Coldiretti – hanno anticipato la vendemmia di quasi una settimana: già a metà agosto nei vigneti di pianura si è cominciato a staccare i grappoli per i vini bianchi (pinot, chardonnay, moscato) e si proseguirà per tutto settembre con gli altri vini bianchi per arrivare ad ottobre con i grandi rossi, dal sangiovese al gutturnio".

"Il 45,9 per cento dei vini dell’Emilia Romagna – ricorda Coldiretti regionale – è destinata alla produzione di vini Doc (15,9%) e Igt (30%), mentre la restante percentuale è destinata a vini da tavola. I vini Doc sono 18, quelli igt 9, mentre due vini vini (Albana di Romagna e Pignoletto classico dei Colli bolognesi) hanno ottenuto la denominazione di origine controllata e garantita (Docg)".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"In Emilia Romagna – sottolinea Coldiretti – ci sono 50 mila ettari di vigneto, coltivati da 22 mila aziende, più di un terzo delle quali (35%) vende direttamente al consumatore. Quello della vendita diretta del vino è una tendenza in continuo aumento negli ultimi anni anche come risposta alle richieste dei consumatori di conoscere personalmente il produttore e scoprire le caratteristiche del prodotto che intendono acquistare, andando contemporaneamente alla scoperta del territorio di origine". 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -