Trichet: ''Ripresa più forte del previsto''

Trichet: ''Ripresa più forte del previsto''

Trichet: ''Ripresa più forte del previsto''

MILANO - I tassi d'interesse di Eurolandia restano "adeguati" e la ripresa, sulla base degli ultimi dati, sta andando "più forte del previsto". E' quanto ha affermato il presidente della Banca centrale europea, Jean-Claude Trichet, aggiungendo che i più recenti dati dalla congiuntura dell'Eurozona "sono più positivi del previsto" e che la ripresa proseguirà anche nei prossimi mesi anche se continuerà a essere "moderata e dominata dall'incertezza".

 

Nella seconda parte dell'anno è previsto un rallentamento. La Bce, ha poi annunciato Trichet, continuerà a fornire liquidità illimitata alle banche fino alla fine dell'anno. Anche nei prossimi tre mesi le banche potranno quindi ottenere in prestito dalla Bce tutti i liquidi di cui avranno necessità. L'istituto centrale di Francoforte ha optato per una conferma dei tassi di riferimento.

Il costo del denaro nei sedici paesi dell'Unione Europea resta così stabile sull'attuale minimo record di 1%, livello raggiunto a maggio del 2009 con un taglio da un quarto di punto percentuale. Invariati anche i tassi di depositi e prestiti overnight, rispettivamente a 0,25% e 1,75%.

 

Quanto all'inflazione, Trichet ha affermato che la recente diminuzione riflette i prezzi dell'energia e che il tendenziale annuo potrebbe salire leggermente nel corso dell'anno, mentre nel 2011 dovrebbe beneficiare di modeste pressioni sui prezzi dal lato domestico. Per quest'anno la stima è in un range tra 1,5-1,7% da 1,4-1,6% e per 2011 di 1,2-2,2% da 1-2,2%.

Lo staff Bce prevede per i paesi della zona euro nel 2010 un Pil in un range di 1,4-1,8% da 0,7-1,3% stimato nell'analoga valutazione di tre mesi fa. Per il 2011 il Pil è visto nel range tra 0,5-2,3% da 0,2-2,2% della stima di giugno.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -