Turismo, vola l'Emilia Romagna: dati in positivo nei primi nove mesi del 2016

Per il periodo gennaio-settembre, i numeri parlano di 44,6 milioni di presenze e 8,8 milioni di arrivi, rispettivamente +1,7% e +2% sullo stesso periodo dell’anno scorso.

Turismo regionale col segno più, nei primi nove mesi dell’anno, rispetto alla già ottima performance registrata nel 2015. Per il periodo gennaio-settembre, i numeri parlano di 44,6 milioni di presenze e 8,8 milioni di arrivi, rispettivamente +1,7% e +2% sullo stesso periodo dell’anno scorso.

Se poi si tiene conto anche dei flussi generati dai nuovi comparti turistici, non compresi all’interno dei tradizionali percorsi Riviera, Terme, Città d’Arte e Appennino e dati non presenti nelle statistiche 2015 (esempi in questo senso sono Sassuolo e Imola, che propongono nuovi prodotti turistici, come Ceramic Land), si arriva a 47,5 milioni di presenze e 10 milioni di arrivi nei primi nove mesi del 2016 quando in tutto il 2015 si registrarono 46 milioni di presenze e 8,8 milioni di arrivi.

Secondo Andrea Corsini, assessore regionale al Turismo, “i risultati premiano il virtuoso lavoro di squadra tra Regione, Apt Servizi Emilia-Romagna e Comuni sui fronti della comunicazione e del marketing, e quello degli operatori privati sulla promo-commercializzazione e riqualificazione dell’offerta. Siamo già all’opera sulle attività di promozione turistica del 2017 e rafforzeremo quelle azioni, come l’attività sui mercati di lingua tedesca avviata nell’estate 2016, che hanno contribuito ai positivi risultati registrati tra gennaio e settembre di quest’anno”.

E con la stagione sciistica ancora da avviare e le tante mostre e appuntamenti autunnali previsti nelle città d’arte, il calendario di eventi enogastronomici in tutta la regione e il wellness termale, tutto fa propendere per un consuntivo turistico di fine anno molto positivo per l’Emilia Romagna.

La composizione del movimento turistico in Emilia-Romagna
Per quanto riguarda la composizione del movimento turistico, nei primi nove mesi del 2016 si è rilevato un incremento, in riferimento alla clientela nazionale, rispettivamente del +2,2% negli arrivi (per totali 6.582.000 arrivi) e del +1,5% nelle presenze (33.410.000 presenze complessive) rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Buona anche la performance sul fronte del turismo internazionale: gli ospiti stranieri hanno fatto registrare, rispetto a gennaio-settembre 2015, un +1,3% di arrivi (per 2.260.000 arrivi complessivi) e un +2,2% di presenze (11.262.000 presenze totali).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La metodologia di rilevazione
Il movimento turistico nelle strutture ricettive alberghiere ed extralberghiere dell’Emilia-Romagna viene rilevato dall’Osservatorio sul turismo regionale con una metodologia che prevede la rivalutazione periodica delle statistiche ufficiali attraverso le indicazioni fornite da un panel di operatori di tutti i comparti dell’offerta turistica regionale e vari riscontri indiretti, come le uscite ai caselli autostradali, gli arrivi aeroportuali, i movimenti ferroviari, le vendite di prodotti alimentari e bevande per l’industria dell’ospitalità, i consumi di energia elettrica ed acqua e la raccolta di rifiuti solidi urbani.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -