Ue, più controlli sui bilanci pubblici

Ue, più controlli sui bilanci pubblici

Ue, più controlli sui bilanci pubblici

ROMA - La Commissione europea presenterà mercoledì una comunicazione sulla riforma del Patto europeo di stabilità e di crescita e per il rafforzamento del coordinamento delle politiche economiche. Lo scopo del controllo preventivo è quello di individuare in anticipo le incoerenze con gli orientamenti di politica economica e di bilancio dettati dalla Unione europea e gli elementi che rischiano di aumentare gli squilibri macroeconomici all'interno dell'Eurozona.

 

Stando alle anticipazioni si prevede che per uno Stato con deficit eccessivo e con un debito pubblico sopra il 60% non basterà più riportare il disavanzo sotto la soglia del 3%. Inoltre dovrà essere costituito un "deposito fruttifero" in caso di "politiche fiscali inadeguate". Il governo europeo propone anche un utilizzo dei fondi strutturali e di coesione della Ue per sostenere gli sforzi dei Paesi impegnati nell'opera di risanamento delle proprie finanze pubbliche.

 

La Commissione Ue evidenzia la necessità di creare un "robusto meccanismo permanente di risoluzione delle crisi", mettendo a punto un set di procedure "chiare e credibili" per dare nel medio e lungo termine sostegno finanziario ai Paesi della zona euro in difficoltà. che deve essere legato a una "forte condizionalità" e deve assumere la forma di prestiti.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -