Ultima relazione di Draghi da governatore di Bankitalia: "Si torni alla crescita''

Ultima relazione di Draghi da governatore di Bankitalia: "Si torni alla crescita''

Ultima relazione di Draghi da governatore di Bankitalia: "Si torni alla crescita''

ROMA - Ultima relazione di Mario Draghi da governatore di Bankitalia. Il numero uno di via Nazionale, che il 24 giugno sarà designato presidente della Bce, ha chiesto "una manovra tempestiva, strutturale, credibile agli occhi degli investitori internazionali, orientata a favore della crescita", che potrebbe, "anche mediante una significativa riduzione dei premi al rischio che gravano sui tassi d'interesse italiani, sostanzialmente limitare gli effetti negativi sul quadro macroeconomico".

 

Draghi ha invitato a crederci nella ripresa, poiché è legata solo in parte a fattori economici e anzi "dipende dalle istituzioni, dalla fiducia dei cittadini verso di esse, dalla condivisione di valori e speranze". Perché l'Italia torni a crescere, per Draghi bisogna ristabilire la fiducia tra i cittadini e lo Stato. E per questo "occorre sconfiggere gli intrecci di interessi corporativi che in più modi opprimono il Paese".

 

Per il governatore di Bankitalia si tratta di "una condizione essenziale per unire solidarietà e merito, equità e concorrenza, per assicurare una prospettiva di crescita al Paese". Obiettivo fondamentale della politica economica, ribadisce Bankitalia, deve essere innanzitutto il pareggio di bilancio. Risanare, ha evidenziato Draghi, significa tagliare le spese inutili, ma non significa tagliare indistintamente.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -