Un 2017 in chiaroscuro per il mattone della Romagna

Calano i prezzi delle case in vendita, aumentano (anche se di poco) i canoni d’affitto. Il 2017 del mattone in Romagna è stato un anno in chiaroscuro, con un calo dell’1,9% dei prezzi di vendita delle case e una crescita dello 0,8% per le locazioni. È questa la fotografia scattata dall’Osservatorio di Immobiliare.it sul mercato residenziale delle città romagnole nel 2017.

Rimini la più cara

Nonostante i prezzi degli immobili residenziali in vendita siano calati in un anno del 4%, comprare casa a Rimini resta la scelta più cara: la cifra media richiesta è di 2.450 euro/mq, un valore che se si considera tutta l’Emilia Romagna è secondo solo a Bologna (2.657). Prezzi al metro quadro più contenuti per Cesena (1.928, calo dell’1,2% rispetto al 2016), Ravenna (1.873, -1,6% sul 2016) e Forlì (1.637, -0,7%). In media i prezzi in Romagna sono quindi calati dell’1,9%.

Il mercato degli affitti

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per quanto riguarda il mercato degli affitti i canoni di locazione nelle quattro città romagnole sono aumentati dello 0,8% nel corso del 2017. Una crescita guidata da Rimini e Forlì (entrambe al +1,1%), mentre il mercato a Cesena e Ravenna non ha registrato sostanziali scossoni, con rispettivamente un +0,7% e un +0,3%. Anche in questo caso la più cara rimane Rimini, dove si affitta in media a 9,42 euro al metro quadro. Seconda Ravenna con 8,80 euro al metro quadro, seguita a ruota da Cesena con 8,71 euro. A Forlì, invece, bastano meno di 8 euro/mq (per la precisione 7,87) per l’affitto di un’abitazione.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -