Vendemmia, viticoltori preoccupati: "Qualità ottima, ma calo dei prezzi inarrestabile"

La presidente di Confagricoltura Emilia Romagna, Eugenia Bergamaschi: "La cantina dell’Emilia-Romagna invoca azioni di marketing aggregativo per vendere di più e meglio all’estero sia lo sfuso che l’imbottigliato"

A pochi giorni dall’inizio della vendemmia - lo stacco del primo grappolo di Sauvignon o Chardonnay Blanc è atteso per la prossima settimana - le preoccupazioni dei produttori emiliano-romagnoli riguardano per lo più i prezzi.  Lo spiega bene il presidente dei viticoltori di Confagricoltura Emilia Romagna e neo presidente di Confagricoltura Ravenna, Andrea Betti: "Si stima una produzione di uva, a bacca bianca e rossa, in crescita del 25% rispetto all’anno passato, nonostante il clima umido e piovoso di giugno-luglio abbia richiesto numerosi trattamenti per difendere le viti da malattie fungine come la peronospora e abbia abbassato la resa in alcune aree. Ottima la qualità: acidità e gradazione sono nei giusti parametri. Preoccupa, però, l’inarrestabile calo dei prezzi e l’invenduto d’eccellenza del 2017 che riposa ancora nelle cantine".

Infatti, sotto il profilo qualitativo, il vigneto dell’Emilia-Romagna è indubbiamente migliorato. Nel 2017 la percentuale di mosti e vini dichiarati Dop è passata dal 17,6% al 21,4%, in tandem con la quota raggiunta dagli Igp (circa il 28% del totale). "Tuttavia - precisa Betti - la produzione si è fermata a 6.619.673 ettolitri (-24%) e si è tradotta in un forte incremento dei prezzi all’origine, con punte fino a 60-65 euro al quintale, lo scorso novembre. Sicché gli imbottigliatori europei, in primis i tedeschi, hanno preferito acquistare altrove, in Spagna e Francia". Poi da gennaio di quest’anno è cominciato il trend negativo, con quotazioni in discesa. "Ora i prezzi si attestano mediamente sui 45 euro al quintale. Però in Europa si attende una buona produzione un po’ ovunque, quindi a fine vendemmia potremmo trovarci a vendere a 32-33 euro al quintale. Un incubo soprattutto per coloro che hanno ancora le botti piene da 12 mesi", sottolinea il presidente dei viticoltori.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La cantina dell’Emilia-Romagna invoca azioni di marketing aggregativo per vendere di più e meglio all’estero sia lo sfuso che l’imbottigliato - conclude la presidente di Confagricoltura Emilia Romagna, Eugenia Bergamaschi - Abbiamo fatto passi in avanti, ma non riusciamo a valorizzare il nostro prodotto sui mercati esteri. Stati Uniti, Canada e Cina, che sono tra i paesi più performanti, chiedono numeri e qualità; noi dobbiamo aggregare il prodotto".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -