Britney Spears un'adolescente sull'orlo del baratro. Confessione shock

Britney Spears un'adolescente sull'orlo del baratro. Confessione shock

Britney Spears un'adolescente sull'orlo del baratro. Confessione shock

Non è tutto oro quel che luccica e la caduta libera della carriera di Britney Spears né un chiaro esempio. Ora, però, i nodi vengono al pettine. Lynne Spears, madre della celebre pop stars ha fatto dichiarazioni shock sulla vita della figlia.

 

Iniziò a bere a 13 anni, perse la verginità a 14 con un ragazzo di 18 e, a soli 15 anni, venne attirata nel mondo delle droghe, proprio quando si trovava a Los Angeles a registrare il suo primo album di successo "Baby one more time". Questo quanto si può leggere, secondo le prime indiscrezioni del Tabloid The Sun, nel libro "Through the storm", scritto dalla madre di Britney Spears.

 

Tutto un montaggio, dunque, il viso angelico da brava ragazza che aveva incantato l'America agli esordi della carriera di Britney, una favola a sfondo noir che ben spiega tutti i problemi insorti negli ultimi tempi.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La madre, nel libro, racconta il suo senso di colpa per aver lasciato la giovane Britney in mano di managers senza scrupoli che ne hanno fatto un oggetto sessuale, quando era ancora troppo giovane... eppure nonostante il rimorso, Lynne (53 anni) non ha esitato a mettere in piazza i vizi della figlia, in un volume che le frutterà un bel po' di quattrini!

Commenti (2)

  • Avatar anonimo di tamy
    tamy

    Premettendo che nel mondo dello spettacolo droga ed alcool sono la normalità, mi chiedo se questa brava Lynnie Spears quando esibiva sua figlia già all'età di 7 anni, pensasse che Britney sarebbe stata l'ECCEZIONE e che quindi NESSUNO le avrebbe proposto droga o alcool. Inseguito, io fossi in Lynne, non urlerei ai quattro venti che mia figlia a 13 anni era dipendente dall'alcool, a 14 non era più vergine e che a 15 anni si drogava: in quei momenti quest'esemplare mamma di famiglia DOV'ERA??? Per diventare dipendenti dall'alcool a 12/13anni, vuol dire che la figlia avrà bevuto chissà quante volte senza che Lynnie facesse qualcosa!!! E questa donna avrebbe voluto scrivere questo libro per dimostrarci che in realtà non è un mostro?? Non mi stupisce che con una madre cosi, la figlia sia caduta in quegli stati anzi, per fortuna che ne stà uscendo e che stà riprendendo in mano la sua vita e la sua carriera! Concludo semplicemente dicendo che se Lynnie spera che qualcuno compri quel libro delle vergogne in Europa, si sbaglia di grosso!E che deve avere un grande senso di protezione verso la figlia, del vero istinto materno per cacciare tutti gli scheletri dentro l'armadio della figlia UN MESE prima dell'uscita del suo nuovo singolo!!!

  • Avatar anonimo di Mary J.
    Mary J.

    Penso proprio sia vero, una madre senza scrupoli, che si serve del nome della propria figlia per avere soldi (You want a piece of me)...dico solo una parola: VERGOGNA! Forse se lei avesse voluto un po' più di bene alla propria figlia, ciò che è accaduto finora non sarebbe accaduto. Mi dispiace per Britney, ma solo per non aver avuto una madre presente...Aspettiamo di vederla ai Video Music Awards...Ciao

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -