FORLI' - Suspance e matematica: ecco la chiave del successo di ''10 morti''

FORLI' - Suspance e matematica: ecco la chiave del successo di ''10 morti''

Di Jenny Laghi


FORLI’ – Foschi Editore è una giovane casa editrice nata sul territorio del forlivese, il cui simbolo è quello dello scarabeo un’animale che sin dall’antico Egitto “conobbe una grande fortuna per la sua forza propiziatoria”. Partendo da questa forte valenza figurativa Foschi, nata da una costola di Experta S.p.A., ha scelto l’insetto mitologico come logo del proprio marchio, perché simbolo di trasformazione, evoluzione e saggezza. Queste la carta di presentazione dell’editrice romagnola nata dall’impegno di voler promuovere la letteratura italiana contemporanea, dando spazio ai giovani autori che troppo spesso, nonostante la qualità delle loro opere non trovano uno spazio sul mercato.


Dopo alcuni anni di lavoro sulla narrativa contemporanea oggi la Foschi è riuscita a dare vita a nuove interessanti collane fra cui spiccano “Sopra le righe”, dedicata alla scrittura sperimentale e certamente, “Delitti e teoremi” che raccoglie titoli di gialli a soluzione matematica, un genere che sta spopolando in tutto il globo. Chi ama l’intrigo, ma anche la linearità di pensiero e la ferrea logica, apprezzerà sicuramente il primo nato della collana “10 morti” dello scrittore Renato Di Lorenzo, ingegnere e consulente di grandi imprese, autore di popolari manuali di finanza pubblicati dal Sole 24 Ore. Denso di avvenimenti, raccontati da una scrittura sobria ed un pizzico maliziosa, il romanzo obbliga ad essere letto tutto d’un fiato. E’ già disponibile inoltre, per coloro che rimarranno intrigati o affascinati, l’ultima fatica dell’autore, “Supermarket”, edito sempre da Foschi e che sta riscuotendo un enorme successo di pubblico.


“10 morti” ha un titolo evocativo, ma per i più sospettosi togliamo subito il dubbio: non ha niente a che fare con i “Dieci Piccoli Indiani” di Agatha Christie, se non la complessità psicologica e il gioco di logica e intuizione che hanno fatto del genere giallo uno dei più amati e seguiti dal pubblico di tutti i tempi. In realtà quello di Di Lorenzo è un romanzo moderno, che indaga gli stili di vita dell’Italia contemporanea, iscrivendola nel panorama del nuovo mondo in cui ci troviamo a vivere: un luogo globalizzato e cosmpolita. In questo scenario si muovono, però, i classici personaggi del thriller, pedine che, nonostante l’approfondimento psicologico che ne fa Di Lorenzo, restano funzionali alla soluzione di un enigmatico caso: “Ci sono dieci persone, inspiegabilmente morte nel sonno, sul difficile cammino investigativo del Maresciallo Turchetto. E poi c’è Julie Joy, un’attraente giornalista americana che si interessa con troppo zelo agli intrighi internazionali di un colosso della cosmetica. Quale mistero collega la scia di omicidi, agguati e formule segrete che si dipana tra Milano e l’Armenia? E Julie Joy riuscirà finalmente a pubblicare la sua inchiesta da Premio Pulitzer e a scoprire il trucco nascosto nel gioco matematico della sua nuova amica Anahìd? Ancora un giallo appassionante, una trama ricca di suspence, personaggi originali e colpi di scena per un autore che ormai è un “classico” del thriller scientifico”.


Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -