FORLI' - Tecnica, cultura e solidarietà, ecco la formula del

FORLI' - Tecnica, cultura e solidarietà, ecco la formula del

FORLI’ – Sono iniziate lo scorso sabato con la proiezione del documentario realizzato da Al Gore “Una scomoda verità”, “Le giornate della tecnica” un’interessante iniziativa promossa dall’Istituto Tecnico per Geometri “Leon Battista Alberti” di Forlì. Gli eventi proseguiranno per l’intera settimana, con mostre, convegni, laboratori e visite guidate sul tema “Quale acqua”. Al centro del dibattito e della riflessione ci sarà lo scottante tema dell’acqua come risorsa da conservare e distribuire in modo equo, ma verrà messo in rilievo anche l’importante ruolo rivestito dalla tecnica, una materia che non sempre viene considerata cultura ma che, come ha sottolineato Indiano Eugenia, docente di Lettere presso la l’Istituto di via Turati, “andando ad indagare a fondo si comprende che essa ha un’anima, per altro molto importante nella moderna società delle macchine, dunque è cultura”.


Questa sera (martedì 20 novembre) il programma prevede il momento clou della rassegna con l’incontro, presso il Salone Comunale di Forlì, con il metereologo Luca Lombroso che, intervistato dal giornalista del Corriere di Romagna, parlerà di “Mutamenti climatici e risorse idriche. Le “giornate della tecnica” proseguiranno fino a sabato con un ricco programma, che ha in serbo perfino uno spettacolo teatrale dal titolo “Acqua”, allestito e curato da Maria Letizia Zuffa e che andrà in scena presso l’Istituto Tecnico per Geometri giovedì 22 novembre, alle 20.30.


L’acqua è un problema ambientale sul quale occorrerebbe riflettere a fondo perché la sua mancanza porta inevitabilmente all’estinzione della vita di cui è l’essenza. Non ci potrebbe essere tema più attuale per mettere insieme i diversi scopi di cui si fa portavoce il progetto: “sensibilizzare i ragazzi sui temi del rispetto e dell’uso consapevole delle risorse ambientali e sensibilizzare nel processo di formazione e orientamento i ragazzi che dovranno affrontare la scelta della scuola superiore”. Queste sono le parole utilizzate da Eugenia Indiano nella lettera indirizzata si docenti delle scuole medie, inviati a prendere parte alla manifestazione, ed in particolare ai laboratori. Si prevede che circa 23 classi delle medie inferiori, per un totale di 500 alunni, parteciperanno alle iniziative dell’edizione 2007.


L’utilità e il valore aggiunto delle “giornate della tecnica” si esplicita anche nella dichiarazione di Gianfranco Marzocchi, Assessore alla Cultura del Comune di Forlì, che ha sottolineato la soddisfazione di tutta l’amministrazione “Questo progetto ha una doppia valenza, da un lato consente una formazione attiva degli alunni e dall’altro mette in atto un forte meccanismo di informazione diretto a tutta la cittadinanza che può partecipare a gli eventi e scoprire nuovi interessanti risvolti sull’importanza dell’acqua. La scuola – ribadisce Marzocchi – esce dalle proprie mura e interpreta in modo attivo il nuovo ruolo che dovrebbe rivestire nella società contemporanea.


Enti pubblici, quali il Comune di Forlì, la Provincia di Forlì-Cesena, Romagnacque assieme ad altrettanti organismi privati come, il Collegio dei Geometri della Provincia di Forlì-Cesen, Opera, Coromano e Calcestruzzi VICAP hanno collaborato sponsorizzando “le giornate della tecnica” e permettendo dunque di dar vita a tutte le iniziative in programma. E’ stato inoltre indetto un concorso per i ragazzi delle scuole medie dal titolo “Acqua e ambiente”: per partecipare gli alunni dovranno realizzare un cartellone in tecnica libera, redatto su un foglio 70x100 su “…non c’è vita senz’acqua. L’acqua è un bene prezioso indispensabile per tutte le attività umane”.


Originalissima e didatticamente molto valida è l’idea di questa “open week” che non solo fa conoscere l’Istituto e sensibilizza i ragazzi, ma dà l’opportunità, come ha spiegato il dirigente scolastico del Leon Battista, Luigi Ascanio, ai ragazzi delle scuole superiori di divenire guide e maestri per gli alunni delle medie, vivendo così un’esperienza atta anche alla loro maturazione.


La manifestazione si terrà in collaborazione con l’Associazione di Volontariato LVIA che sta curando il progetto “Acqua per gli orti della Guinea” e per la quale verranno raccolti fondi durante gli eventi.


Jenny Laghi

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -