Finanziaria 2008 / Razionalizzazione della disciplina delle operazioni di riorganizzazione aziendale

Finanziaria 2008 / Razionalizzazione della disciplina delle operazioni di riorganizzazione aziendale

La legge finanziaria per il 2008 interviene, in modo significativo, in tema di trattamento fiscale delle operazioni straordinarie di conferimento, fusione e scissione.

I conferimenti d’azienda sono, alla stessa stregua delle operazioni di fusione e di scissione fiscalmente neutrali sia per il conferente che per il soggetto conferitario.


Accanto al regime di neutralità fiscale, il legislatore ha introdotto un regime opzionale alternativo, in base al quale la società conferitaria/beneficiaria può dare riconoscimento fiscale ai maggiori valori conseguenti alle operazioni di conferimento d’azienda, mediante esplicita opzione, per l’applicazione di un’imposta sostitutiva dell’imposta sui redditi delle persone fisiche, dell’imposta sui redditi delle società e dell’imposta regionale sulle attività produttive.


La misura dell’imposta è stabilita per “scaglioni”, in relazione all’ammontare dei maggiori valori delle immobilizzazioni materiali ed immateriali, iscritti in bilancio:

- 12 per cento sulla parte dei maggiori valori ricompresi nel limite di 5 milioni di euro,

- 14 per cento sulla parte dei maggiori valori che eccede 5 milioni di euro e fino a 10 milioni di euro,

- e 16 per cento sulla parte dei maggiori valori che eccede i 10 milioni di euro.


L’imposta sostitutiva deve essere versata in tre rate annuali.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -