Giovani e donne nei nuovi organi dirigenti di Cna

Giovani e donne nei nuovi organi dirigenti di Cna

Giovani e donne nei nuovi organi dirigenti di Cna

Si è conclusa in questi giorni la serie di assemblee elettive della CNA che ha portato alla scelta dei nuovi dirigenti del territorio, delle unioni di settore e dei raggruppamenti di  interesse.

Si sono svolte complessivamente 9 assemblee nei comuni, che hanno coinvolto gli imprenditori e le imprenditrici associati alle 8 sedi territoriali in cui è strutturata CNA di Forlì-Cesena. Le assemblee sono state l'occasione per affrontare le questioni legate alla difficile congiuntura economica, ma anche ai problemi più direttamente connessi alle caratteristiche delle singole aree territoriali. Questi incontri hanno anche visto anche la presenza di rappresentanti istituzionali locali.

 

Le Unioni di settore hanno messo in campo 10 assemblee, nelle quali sono stati trattati i temi di maggior interesse per le attività e di mestieri rappresentati. Oltre agli aspetti che emergono dalla situazione di crisi dell'economia, nelle assemblee delle unioni ampio spazio hanno trovato gli elementi di specificità settoriale e normativa , ma anche i ragionamenti sulle modalità più efficaci per promuovere opportunità economiche per le imprese, attraverso iniziative volte all'allargamento dei mercati e alla creazione di reti e filiere produttive.

 

Anche i 6 raggruppamenti di interesse hanno avuto i propri momenti elettivi, infatti si sono tenute le assemblee di CNA In Proprio, CNA Imprenditori Stranieri, CNA Industria, CNA Turismo e Commercio, CNA Impresa Donna ed è in calendario quella di CNA Giovani Imprenditori.

La mole di attività di confronto che è stata realizzata, in sono state coinvolte centinaia di imprenditrici ed imprenditori, è quello che possiamo veramente definire un grande esercizio di partecipazione e democrazia associativa.

Sull'insieme degli eletti, che sono 385 le donne sono 85 pari al 22%.  Mentre le persone sotto i 40 anni, che come CNA definiamo "giovani imprenditori" sono 84, pari al 21%.

Complessivamente, anche guardando a questi ultimi due elementi, possiamo affermare che si è fatto un grande lavoro di rinnovamento  e che si è risposto positivamente, nella nostra provincia, alla sollecitazione che era giunta da CNA Nazionale, soprattutto in direzione di una maggiore presenza e rappresentanza del mondo dell' imprenditoria femminile. Riguardo al tema della presenza delle imprenditrici, però, possiamo affermare con soddisfazione di essere sempre stati all'avanguardia nell'ambito del sistema associativo CNA, in quanto da tempo nei nostri organi di direzione provinciale le imprenditrici hanno raggiunto il 20 % dei componenti. Ora al processo complessivo manca solo un ultimo tassello, che sarà la convocazione della assemblea provinciale, prevista per il prossimo 18 giugno, che dovrà eleggere il nuovo gruppo dirigente provinciale dell'associazione.

 

Alvaro Attiani
presidente CNA Forlì-Cesena

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -