Il Requiem di Mozart per celebrare la memoria dei defunti

Il Requiem di Mozart per celebrare la memoria dei defunti

Il Requiem di Mozart per celebrare la memoria dei defunti

RAVENNA - Un altro evento si aggiunge al ricco panorama dell'offerta musicale ravennate: un Concerto per la Commemorazione dei Defunti che avrà luogo il 1° novembre alle ore 21 nella Basilica di Sant' Apollinare Nuovo di Ravenna. Il concerto nasce per iniziativa dell' Associazione Orchestra da Camera di Ravenna, diretta da Paolo Manetti, con il patrocinio dell'Archidiocesi di Ravenna-Cervia, del Comune e della Provincia di Ravenna.

 

Gli interpreti sono l' Orchestra da Camera di Ravenna e il Coro Polifonico Santo Spirito di Ferrara diretti da Paolo Manetti con un cast di giovani voci, tutti promesse del canto italiano: Scilla Cristiano (Soprano), Marianna Vinci (Mezzosoprano), Simone Maresca (Tenore) e Andrea Mastroni (Basso).

 

In programma il Requiem K 626 di  W. A. Mozart (1756- 1791), l'ultimo lavoro lasciato incompiuto da Mozart al momento della morte, la sua opera più affascinante e misteriosa, la più discussa, certamente la più amata dal pubblico.

 

Il mito intorno a questa composizione si creò fin dai primi anni dopo la scomparsa dell'autore. Oltre alla caratura della partitura, le circostanze che videro la nascita e la prima circolazione del Requiem hanno contribuito ad alimentare le leggende intorno all'ultimo capolavoro del genio salisburghese.

Nel luglio del 1791 un autorevole personaggio che voleva rimanere anonimo commissionò a Mozart per iscritto la composizione di un Requiem per la cifra di 50 ducati. Oggi è accertato che si trattasse del conte Franz von Walsegg, passato alla storia della musica per il suo vezzo di spacciare come proprie musiche fatte comporre da professionisti nei suoi concerti privati.

 

Durante la composizione Mozart riceveva periodicamente visite di un misterioso inviato per riscuotere l'opera che, stando ad una lettera dispersa di cui si ha notizia, dovevano turbare molto la sua psiche già emotivamente tesa.  Tra sinistri presentimenti e forse la consapevolezza che la malattia di cui soffriva lo avrebbe portato alla morte, sopraggiunta il 5 dicembre dello stesso anno, Mozart lavorò con la sensazione di scrivere un Requiem per se stesso. Il manoscritto, rimasto incompleto, per volontà della vedova, fu portato a termine da tre allievi di Mozart, in particolare Franz Xaver Süßmayr, al suo capezzale fino al 5 dicembre.

 

Il concerto sarà replicato il 2 novembre a Ferrara presso il Tempio di San Cristoforo alla Certosa. Questo è il primo di una serie di appuntamenti che vedranno esibirsi l'Orchestra da Camera di Ravenna diretta da Paolo Manetti in prestigiose sedi, tra cui il Duomo di Milano nel prossimo novembre con un concerto per organo e orchestra.

 

Ravenna, 1 novembre 2009 - Basilica di Sant'Apollinare Nuovo - via di Roma -

inizio concerto ore 21,00 - biglietti in vendita all'ingresso la sera del concerto a partire dalle ore 20,15

Prevendita presso l' Agenzia viaggi " La Classense" - via Serafino Ferruzzi, 9 Ravenna Tel. 0544-33347

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -