Ilaria D'Amico debutta nel ruolo di doppiatrice in ''Eragon''

Ilaria D'Amico debutta nel ruolo di doppiatrice in ''Eragon''

ROMA – La bella giornalista sportiva di Sky, Ilaria D’Amico, si è cimentata nel ruolo di doppiatrice nel film Eragon che uscirà nelle sale italiane il 22 dicembre. Ilaria ha dato la sua voce alla draghessa Saphira non prima di sostenere un provino per vedere se era in grado di svolgere questo nuovo compito. Alla fine, per l’ex volto femminile di ‘’Campioni il Sogno’’, è stata una bella esperienza


Il film, diretto da Stefen Fangmeier, è ispirato al primo volume della trilogia L'eredità scritto dal 22enne Christopher Paolini, che nei soli Stati Uniti, Eragon ha venduto 2,5 milioni di copie ed è al primo posto nella classifica del New York Times dei libri per ragazzi più venduti.

LA STORIA tratta da https://it.wikipedia.org/

In un epoca medievale fantasy, il protagonista quindicenne Eragon vive in campagna, ai piedi della Grande Dorsale (una catena montuosa che si estende dal nord al sud di Alagaësia); mentre va a caccia di cervi, trova per terra una strana pietra , che raccoglie e porta a casa celandola allo zio Garrow ed al cugino Roran i quali sono la sua unica famiglia. Poco tempo dopo la strana pietra si schiude - rivelandosi un uovo - e ne esce un cucciolo di drago: Eragon diviene un cavaliere di drago ed iniziano così le sue avventure con Saphira, dragonessa blu.

Inizialmente il giovane sarà aiutato dal vecchio Brom (soprannominato Brom il cantastorie), antico cavaliere ritiratosi dopo la morte del suo drago (anch'essa di nome Saphira) e cantastorie a Carvahall, città natale di Eragon. Il vecchio lo inizia ai segreti della storia dei Cavalieri dei Draghi ed alla magia per eliminare il perfido re Galbatorix e riportare la pace in tutta Alagaësia.

Nel suo viaggio (nientemeno che un Bildungsroman - racconto di formazione) il giovane cresce grazie a nuovi personaggi, i quali lo aiutano a comprendere la più intima parte di sé stesso che lo lega alla magia, alla sua dragonessa (con cui ha un costante rapporto telepatico) ed anche agli ultimi due cavalieri e draghi rimasti.

Assieme all'ambasciatrice elfica Arya ed a Murtagh, due amici incontrati lungo il viaggio, giunge nel Farthen Dur, una montagna al cui interno si trova Tronjheim, capitale del regno dei nani. Qui conosce il nano Orik, che combatterà al suo fianco nella battaglia contro gli urgali, dove Murtagh viene rapito dall'esercito di Galbatorix.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel libro vi sono - come nella maggior parte dei romanzi fantasy - creature intelligenti e "dotate di favella" al di fuori della razza umana: si pensi a draghi (tramite il pensiero), Nani, Elfi Ra'zac, Urgali (specie di Troll con corna d'ariete), spettri e Gatti mannari.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -