La poesia: E Rumagnòl

La poesia: E Rumagnòl

La poesia:

E' RUMAGNÔL

 

E Signor, fnì 'd fê e mond e va un pô in zir

Il Signore fatto il mondo, va un po' in giro

 

E cun San Pir e passa dò parôl;

E con San Pietro scambia due parole

 

E intant ch'i è int una presa ui fa San Pir:

E mentre sono in un campo San Pietro gli fa

 

"la Rumâgna t'l'é fata, e e rumagnôl?"

"la Romagna l'hai fatta, ma il romagnolo?"

 

Ui vô dla zenta sora a sti cantìr,

Ci vuole gente sopra questi campi

 

T'an vré za fê la mama senza e fiôl?"

Non vorrai fare la mamma senza il figlio?"

 

"Me a te farò, mò l'à dal brot manìr,

"Io te lo farò, ma ha modi sgarbati,                                    

Arcôrdat ch'at l'ò det, bêda sbrugnôl".

Bada ragazzo, ricordati che te l'ho detto"

 

E dasènd d' chilz par tëra cun un pè

E dando un calcio per terra con un piede                                                 

E fasè saltê fura senz'armor

Fece uscir fuori senza rumore

 

E stamp de rumagnôl piantê pr'e drèt;

Il prototipo del romagnolo piantato per dritto

 

In mangh 'd camisa, un ciof coma un galèt,

In manica di camicia, un ciuffo da galletto

 

Cun e su capalcin int al vintrè:

Col suo cappelluccio sulle ventitré

 

"A sò iquà me, ció, B de S.....!"

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Io sono qua, ció, b. del S.....!".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -