Poesia: la vite

Poesia: la vite

Ecco la poesia che Giovanni Pascoli, ha dedicato ad uno dei maggiori simboli del mondo contadino romagnolo: la vite.

 

Or che il cucco forse è vicino,

mentre i peschi mettono il fiore,

cammino, e mi pende all'uncino

la spada dell'agricoltore.

Il pennato porto, chè odo

già la prima voce del cucco

cu . . . su. . . io rispondo a suo modo:

mi dice ch'io cucchi, e sì, cucco.

Sì, ti cucco, vite, chè senti

già nel sole stridere l'api:

ti taglio ogni vecchio sarmento,

ti lascio tre occhi e due capi.

O che piangi, vite gentile,

perchè al vento stai nuda nata?

Se anch'io tra i fioretti d'aprile

sembravo una vite tagliata!

Piangi quello che ti si toglie ?

Ma ti cucco, taglio ed accollo,

perchè, quando cadon le foglie,

tu abbia un tuo qualche grispollo!

O mia vite . . . no, o mia vita,

così torta meglio riscoppi!

E poi . . . com'è buono, alle dita,

l'odore di gemme di pioppi!

E parlare, ritto su loro,

col venuto di là dal mare,

chiedendogli, in mezzo al lavoro,

quant'anni si deve campare!

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

(Giovanni Pascoli)

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -