Riqualificazione energetica, la detrazione del 55% non è cumulabile

Riqualificazione energetica, la detrazione del 55% non è cumulabile

La detrazione del 55% delle spese sostenute per la riqualificazione energetica è cumulabile con altri incentivi della Comunità Europea, delle Regioni e degli Enti locali?

 

 

La detrazione del 55% delle spese sostenute per la riqualificazione energetica non è cumulabile con eventuali incentivi riconosciuti, per gli stessi interventi, dalla Comunità europea, dalle Regioni o dagli Enti locali. Il contribuente che, a partire dal 1° gennaio 2009, ha sostenuto queste spese deve scegliere se beneficiare della detrazione fiscale o fruire di eventuali contributi comunitari, regionali o locali. E' la risposta dell'Agenzia delle Entrate con la risoluzione n. 3/E, pubblicata sul proprio sito, a regioni promotrici di iniziative volte a favorire interventi di riqualificazione energetica sul patrimonio edilizio del proprio territorio.

 

Lo ribadisce, peraltro, la direttiva comunitaria sull'efficienza energetica (dlgs 115/2008) che prevede, dallo scorso anno, il divieto di cumulo degli incentivi attivati dallo Stato con ulteriori contributi comunitari, regionali o locali. A questo proposito, anche il Ministero per lo Sviluppo economico ha precisato che lo sconto fiscale del 55% sugli interventi edilizi per il risparmio energetico rientra tra gli strumenti statali di incentivazione dell'efficienza energetica e, per questo, non può sommarsi ad altri incentivi riconosciuti per gli stessi interventi dagli enti territoriali.

Sportello Energia CNA Forlì-Cesena

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -