Scoprire la Romagna: Bertinoro

Scoprire la Romagna: Bertinoro

Scoprire la Romagna: Bertinoro

Oggi vi vogliamo presentare un gioiello della Romagna, un piccolo borgo storico arrocato sulle colline della provincia di Forlì-Cesena, noto fin dall'antichità per il suo squisito vino dolce: l'albana. Ideale per passeggiare, assaggiare prodotti tipici romagnoli e immergersi nel passato delle nostre terre.

 

 L’origine del toponimo "Bertinoro" è soggetta a varie leggende popolari, ma la versione storicamente accreditabile fa riferimento a pellegrini brittannici che vennero poi venerati come protettori della città.
Bertinoro, nella parte alta del centro storico, ha sostanzialmente conservato la antica struttura di cittadella medioevale, con magnifico sviluppo di stradine acciotolate, strette dalla cinta muraria.


Detto "Balcone di Romagna", per i suoi declivi secolarmente vocati ai vitigni dell’Albana, Bertinoro oggi è sede di un moderno centro residenziale univeristario e possiede presso la vicina località di Fratta Terme un attrezzato centro termale in fase di rilancio.

 

Situata al centro della pianura di Romagna in posizione panoramica, Bertinoro domina un suggetivo paesaggio la cui vista si estende fino al mare. In cima al borgo si erge la rocca millenaria, anteriore al secolo X, dove soggiornò l’imperatore Federico Barbarossa nel 1177 e che oggi ospita il Centro Residenziale Universitario dell’Alma Mater Studiorum di Bologna e il Museo Interreligioso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


Bertinoro è considerata ‘Città dell’ospitalità’ per la tradizione della Colonna delle Anella, ognuna corrispondente a una delle antiche famiglie deputata ad ospitare il forestiero che, arrivando, vi legava il cavallo. Questa tradizione, simbolo della cordialità di tutti i romagnoli, è evocata tutt'ora la prima domenica di settembre.

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di Giorgio Bernaroli
    Giorgio Bernaroli

    Mi risulta che i pellegrini dovrebbero essere stati dei bretoni non dei britannici.

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -