Celentano a Venezia: ''Yuppie Du è un grido contro la violenza''

Celentano a Venezia: ''Yuppie Du è un grido contro la violenza''

Celentano a Venezia: ''Yuppie Du è un grido contro la violenza''

Adriano Celentano ospite d'onore a Venezia. E' arrivato ieri, assieme alla moglie Claudia Mori, con la quale forma ancora la "coppia più bella del mondo"., almeno a giudicare dal bacio appassionato che si sono scambiati sotto i flash delle telecamere. Lo sbarco in laguna è avvenuto in prima serata, ma il cantante-attore è risuscito ad evitare un po' di folla giungendo all'imbarcadero dell'Excelsior del Lido solo all'una di notte.

 

Celentano si è prestato al Festival in occasione della proiezione del suo celebre film "Yuppi Du" che è stato da poco restaurato. Tanti applausi per la prima e anche grasse risate davanti ad alcune battute storiche. Da oggi, inoltre il film, che mai era stato distribuito in Vhs si troverà in vendita nei negozi assieme alla colonna sonora, entrambi nelle nuove versioni, restaurate grazie alla collaborazione di Sky.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ai microfoni di Venezia il Molleggiato ha raccontato alcuni progetti per il futuro, fra i quali l'idea di fare un film sulla resurrezione di Gesù. In programma anche un ritorno in tv, ma "non so né quando né con chi" ha dichiarato. Soddisfatto per il rilancio di "Yuppi Du", sicuramente il suo film più importante, Celentano ha ricordato che è "un grido contro la violenza e contro le morti sul lavoro", per questo lo ha dedicato a Graziano Alonzo, un macchinista morto sul set del suo ultimo film: "Eravamo a girare una scena su una zattera poi si è ribaltata e Graziano non ce l'ha fatta. Ora sono sicuro che ci sta guardando da lassù ma la sua morte si poteva evitare se ci fosse stata una maggiore cultura della sicurezza" ha confessato Celentano.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -