James Bond a rischio: casa produttrice sull'orlo del crack

James Bond a rischio: casa produttrice sull'orlo del crack

James Bond a rischio: casa produttrice sull'orlo del crack

Questa volta James Bond potrebbe non farcela. La sua casa produttrice, la "Metro Goldwyn Meyer", che tra le sue tante produzioni forse la più famosa è proprio quella di 007, rischia infatti di chiudere per il dissesto finanziario in cui si trova. Una notizia che fa stare con il fiato sospeso i milioni di fans dell'agente segreto più famoso del mondo, bramosi di assistere ad un nuovo episodio della saga.


E proprio le difficoltà finanziarie della casa produttrice hanno costretto a sospendere i lavori per la realizzazione del 23esimo episodio di 007, che sarà ambientato tra Afghanistan ed Inghilterra e verà come nuova Bond Girl accanto al confermatissimo Daniel Craig, l'attrice Freida Pinto, divenuta celebre per la sua partecipazione a "The Millionaire".


Al momento non è stato svelato il titolo ufficiale del nuovo episodio, che come sempre avviene finchè non è formalizzato il titolo viene identificato sotto il nome di "Bond 23".


Tornando alla questione della Metro Goldwyn Meyer, diverse sono le società in lizza per tentare il salvataggio della società e della produzione di Bond. In pole position sembra esserci la Spyglass Entertainment, assieme alla "Summer Entertainment" (che ha prodotto la saga fortunatissima di Twilight) e addirittura alla "Lions Gate" che fa riferimento al discusso documentarista Michael Moore.

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -