Sanremo parte col botto, Morandi: ''Abbiamo fatto goal''

Sanremo parte col botto, Morandi: ''Abbiamo fatto goal''

Sanremo parte col botto, Morandi: ''Abbiamo fatto goal''

SANREMO - Record di ascolti per la prima puntata del Festival di Sanremo. La squadra di Gianni Morandi ha incassato ben 14 milioni 175mila spettatori (share del 45.20%), con il picco d'ascolto alle 21.56 (17 milioni e 88 mila spettatori) quando Anna Tatangelo si esibiva con la sua "Bastardo", bocciata dalla giuria demoscopica, ma con possibilità di ripescaggio. "Il Sanremo che piace a noi, piace anche a tante gente che guarda la tv", ha affermato il direttore di Rai Uno, Mauro Mazza.

 

"A Sanremo splende il sole anche se scende la pioggia", ha affermato Morandi, concedendosi un'autocitazione. Quindi si è rivolto alla sua squadra, le ‘Iene' Luca e Paolo' e le prime donne Belen Rodriguez e Elisabetta Canalis: "Mi avete eletto capitano, ma siete entrati da titolari e avete fatto gol". Morandi resta però coi piedi per terra: "E' il primo giorno, ha contato la curiosità, le valutazioni finali si fanno sabato". Giusto così. Perché quella di martedì era la serata dell'esordio, della curiosità. Va detto infatti che l'inizio è stato piuttosto debole e contratto, non sempre brillante.

 

Con Luca e Paolo a sciogliere la tensione con la loro "Ti sputtanerò", proponendo al pubblico una parodia della canzone "In amore" scritta e realizzata da Morandi, ma incentrata ai contrasti tra Silvio Berlusconi e Gianfranco Fini e alla girandola di accuse reciproche. "Ci aspettavamo di lasciare Sanremo nella macchina dei carabinieri. O non hanno capito o hanno un grande senso dell'umorismo", ha scherzato Paolo.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Spero che ci siano ulteriori "instant songs" dedicate ad altre parti politiche, che offrono altrettanti spunti di satira", ha affermato il direttore di Rai Uno, evidenziando al tempo stesso che "la linea editoriale non impone nulla e che qui si fa una tv libera."

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -