4 novembre, stretta di mano tra Berlusconi e Fini all'Altare della Patria

4 novembre, stretta di mano tra Berlusconi e Fini all'Altare della Patria

4 novembre, stretta di mano tra Berlusconi e Fini all'Altare della Patria

ROMA - All'Altare della Patria, per le celebrazioni della giornata delle Forze Armate, c'è stato un intenso scambio di battute tra il premier, Silvio Berlusconi, e il presidente della Camera, Gianfranco Fini. I due ex-alleati nel Pdl hanno chiacchierato a lungo con toni parsi amichevoli, mentre attendevano l'arrivo del presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. E' stato Berlusconi ad avvicinarsi a Fini, salutandolo con una stretta di mano ed un "ciao".

 

Il gesto è stato ricambiato dal leader di Futuro e Libertà. A quel punto i due hanno iniziato a parlare, con il Cavaliere che si rivolgeva a Fini in quello che sembrava uno sfogo. Napolitano ha poi celebrato il 4 novembre, rendendo "onore ai soldati, ai marinai, agli avieri, ai carabinieri e ai finanzieri che operano nelle aree di crisi con perizia, abnegazione ed entusiasmo", ringraziandoli "

per i progressi che ci hanno permesso di compiere verso un mondo più stabile, pacifico e sicuro".

 

"Siamo orgogliosi di quanto essi fanno ogni giorno, in nome del nostro paese e della comunità internazionale", ha sottolineato Napolitano. All'altare della patria il capo dello Stato ha reso omaggio al milite ignoto. La deposizione della corona di alloro da parte del capo dello Stato, è la prima cerimonia ufficiale delle celebrazioni della Giornata della forze armate. Il passaggio della pattuglia acrobatica Nazionale e le note del "Silenzio" hanno concluso la cerimonia.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -