Afghanistan, conflitto a fuoco. Muore parà italiano

Afghanistan, conflitto a fuoco. Muore parà italiano

Afghanistan, conflitto a fuoco. Muore parà italiano

ROMA - Ancora un soldato italiano morto nella missione in Afghanistan. David Tobini, caporalmaggiore 28 anni di Roma in forza al 183esimo reggimento paracadutisti "Nembo" di Pistoia, è morto in uno scontro a fuoco a nord-ovest di Bala Murghab, nella parte occidentale del Paese. Si tratta del la quarantunesima vittima italiana in Afghanista dall'inizio della missione, iniziata nel 2004. Nell'attacco sono rimasti feriti altri due parà: uno è in pericolo di vita.

 

Il ministro della Difesa Ignazio la Russa ha ricostruito la dinamica dei fatti, spiegando che i militari italiani sono stati colpiti da un doppio attacco. Erano circa le 4.15 ed i soldati assieme a forze afghane si trovavano in un villaggio dove erano stati segnalati materiale esplosivo e ordigni. Conclusa la missione, all'uscita del villaggio sono stati attaccati da un gruppo di insorti che ha fatto fuoco su di loro, uccidendo il caporalmaggiore Tobini e ferendo il caporal maggiore Simone D'Orazio, 28enne di Isernia.

 

Successivamente è intervenuta la forza aerea di reazione alleata con quattro elicotteri, un aereo francese e uno americano che hanno bombardato la zona, permettendo l'evacuazione alle forze italiane presenti sul territorio. Il capo dello Stato Giorgio Napolitano ha espresso "profonda commozione" per la morte del parà Tobini. "A tutti i nostri soldati impegnati nelle operazioni di pace contro il terrorismo rinnoviamo la gratitudine del governo e del Paese", ha affermato il premier Silvio Berlusconi.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -