Alfano: ''Sui principi non ci si astiene''

Alfano: ''Sui principi non ci si astiene''

Alfano: ''Sui principi non ci si astiene''

 "Sui principi non ci si astiene. Ci si astiene sulle leggi, ci si astiene sui provvedimenti, ma non sui principi". E' quanto ha detto il ministro della Giustizia, Angelino Alfano, nel suo intervento alla Camera nel giorno in cui Montecitorio è chiamata a votare la mozione di sfiducia sul sottosegretario Giacomo Caliendo, coinvolto nell'inchiesta sulla cosiddetta loggia massonica ‘P3'. Un'inchiesta che per Alfano non sarebbe che una "costruzione dei pm e della sinistra".

 

Alfano ha ribadito la linea garantista del governo e ha ammonito quanti invocano le dimissioni come atto dovuto in presenza di un'iscrizione nel registro degli indagati: "E' una posizione pericolosa e che rischia in futuro di ritorcersi anche contro chi oggi la sostiene - ha detto il Guardasigilli, rivolgendosi in particolare ai deputati del centrosinistra -. Il voto sulla mozione vi resterà nel curriculum e ciascuno si troverà prima o poi a fare i conti con la mozione presentata e il voto espresso".

 

"Noi potremmo fare riferimento al passato, ma non lo facciamo, potremmo fare riferimento ai tanti casi in cui uomini delle istituzioni sono stati iscritti nel registro delle indagini e poi prosciolti", ha aggiunto. E ancora: "Deve invece valere il principio che per tutti i cittadini italiani, anche i membri del governo, debba valere la presunzione di innocenza. Noi difendiamo Caliendo con esso difendendo un principio e un valore".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -