Ambiente, Obama: ''Un cent a barile di greggio per la sicurezza''

Ambiente, Obama: ''Un cent a barile di greggio per la sicurezza''

Ambiente, Obama: ''Un cent a barile di greggio per la sicurezza''

NEW YORK - Un centesimo di dollaro a barile a carico delle compagnie petrolifere per finanziare la sicurezza. E' la tassa supplementare proposta dal presidente degli Stati Uniti, Barack Obama. In questo modo si arriverebbe a costruire un fondo da 118 milioni di dollari l'anno, destinati ad un programma di risposta ai rischi di marea nera. L'amministrazione della Casa Bianca ha inoltre suggerito di incrementare a 1,5 miliardi di dollari il tetto per gli indennizzi.

 

Secondo un disegno di legge, presentato al Congresso tre settimane dopo l'esplosione della piattaforma petrolifera Deepwater Horizon al largo delle coste della Louisiana, il governo federale ha proposto che la tassa per sostenere il fondo di responsabilità per danni ambientali sia portata da otto a nove centesimi al barile.

 

Il fondo è attualmente usato per finanziare la pulitura e la protezione delle coste minacciate dalla fuoriuscita di petrolio nel Golfo del Messico. La tassa aumenterebbe poi a 10 centesimi nel 2017. Intanto una mini-cupola mobilitata per tentare di chiudere il pozzo di petrolio che sta continuando ad inquinare il Golfo del Messico ha raggiunto i fondali. La struttura, del peso di circa due tonnellate, ha toccato i fondali ad una profondità di circa 1.500 metri.

 

Tuttavia non è stata ancora posizionata in attesa degli ultimi controlli. Lo ha annunciato la Bp, la multinazionale britannica responsabile del pozzo. Una prima cupola più grande e pesante installata nei giorni scorsi è risultata inutilizzabile a causa del ghiaccio che si è formato in cima al dispositivo. Per scongiurare analoghi problemi, gli ingegneri della Bp stanno pensando di lavorare con acqua calda e metanolo.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -