Ancora sangue in Iraq. Nel 2006 oltre 34mila morti

Ancora sangue in Iraq. Nel 2006 oltre 34mila morti

BAGHDAD – Ancora una carneficina a Baghdad, dove almeno 60 persone sono morte per effetto di due autobombe piazzate all’uscita dell’università 'Al Mustansiriya', nella zona orientale della capitale. Oltre 110 sarebbero i feriti degli attentati. Le vittime sono in gran parte studenti, ma anche professori e dipendenti.


E’ stata una giornata di sangue in tutto l’Iraq. Un duplice attentato avvenuto presso una moschea sunnita del centro di Baghdad ha causato altri 15 morti e 70 feriti.


Sempre a Baghdad, 4 persone sono morte e altre 10 sono rimaste ferite nell'esplosione di un'altra bomba all'interno di un minibus nel grande quartiere sciita di Sadr City.


E’ di 34.452 persone il bilancio delle vittime civili morte in Iraq nel 2006. Lo ha reso noto l’ufficio delle Nazioni Unite. Il responsabile dell'Onu per i diritti umani in Iraq, Gianni Magazzeni, ha detto che nello stesso anno sono rimaste ferite 36 mila persone.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Magazzeni ha detto che negli ultimi due mesi vi sarebbe stato un piccolo decremento delle vittime. In novembre e dicembre inoltre sono stati uccisi 6.376 civili, 4.731 dei quali a Baghdad.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -