Asse Usa-Gran Bretagna: ''Sconfiggeremo Al Qaeda''

Asse Usa-Gran Bretagna: ''Sconfiggeremo Al Qaeda''

Asse Usa-Gran Bretagna: ''Sconfiggeremo Al Qaeda''

LONDRA - Terrorismo, conflitto in Libia, pace in Medio Oriente e rivolte arabe. Sono solo alcuni dei temi trattati presidente americano Barack Obama nel corso di una conferenza stampa congiunta col premier David Cameron. "È enormemente nei nostri interessi appoggiare la democrazia per rendere il mondo un luogo più sicuro", ha affermato il primo ministro britannico, secondo il quale è possibile sconfiggere Al Qaeda dopo l'uccisione di Osama Bin Laden.

 

Affrontando la questione delle rivolte in Medio Oriente e Nord Africa, Obama non ha nascosto le difficoltà, evidenziando che "ci vorranno anni prima che queste rivoluzioni raggiungano una conclusione  e ci saranno difficoltà su questa strada". Ma "gli Stati Uniti e la Gran Bretagna sono a fianco di coloro che aspirano alla libertà", ha aggiunto. Quanto alla Libia, Obama e Cameron  hanno sottolineato come sia "impossibile immaginare un futuro della Libia con Muammar Gheddafi al potere. Se ne deve andare. Bisogna condividere obiettivi e speranze di chi è sceso in piazza".

 

Gran Bretagna e Usa, ha voluto sottolineare l'inquilino della Casa Bianca, hanno agito "insieme per evitare un massacro", unendosi "sulla base degli stessi valori e obiettivi per fare pressione sul regime di Gheddafi e per aiutare il popolo libico a trovare una via di pace, una via di uscita".

 

Quanto ai negoziati di pace in Medioriente, Obama ha spiegato che Israele è giustamente "preoccupato" per il ruolo di Hamas, dopo il suo accordo di riconciliazione con Fatah. "Credo che Hamas non ha ancora rinunciato alla violenza e non ha ancora ammesso la situazione in cui si trova. Finché non la riconosceranno, sarà difficile arrivare a una soluzione di pace. Ma questo è ciò che stiamo tentando di fare", ha aggiunto il presidente Usa.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -