Barzelletta con la bestemmia, il Vaticano attacca Berlusconi

Barzelletta con la bestemmia, il Vaticano attacca Berlusconi

Barzelletta con la bestemmia, il Vaticano attacca Berlusconi

ROMA - Continua a far discutere la barzelletta con tanto di bestemmia del presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. "Ci mancava solo la bestemmia dentro la barzelletta del presidente. Un video - puntuale come una maledizione - ce l'ha servita via internet, mentre un altro video ci ha proposto un Silvio Berlusconi che giochicchia con consunti stereotipi sugli ebrei", ha scritto in un editoriale il direttore del quotidiano della Cei "Avvenire" Marco Tarquinio.

 

Ci ha pensato monsignor Fisichella, presidente del Pontificio Consiglio per la promozione della nuova evangelizzazione, ad abbassare i toni delle polemiche. "Bisogna sempre in questi momenti saper contestualizzare le cose - ha dichiarato -. Certamente, non bisogna da un lato diminuire la nostra attenzione, quando siamo persone pubbliche, a non venir meno a quello che è il nostro linguaggio e la nostra condizione".

 

"Dall'altra credo che in Italia dobbiamo essere capaci di non creare delle burrasche ogni giorno per strumentalizzare situazioni politiche che hanno già un loro valore piuttosto delicato", ha concluso Fisichella. Parole non gradite dal presidente del Pd, Rosy Bindi. "Fin da piccola mi hanno insegnato a non pronunciare il nome del Signore invano - ha premesso -. Sarò all'antica, ma mi amareggia profondamente e mi turba constatare che per un pastore della mia Chiesa ci sarebbero occasioni e circostanze nelle quali è possibile derogare anche dal secondo comandamento".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -