Batterio killer, l'Ue: ''Oltre 150 milioni agli agricoltori''. Ma è polemica

Batterio killer, l'Ue: ''Oltre 150 milioni agli agricoltori''. Ma è polemica

Batterio killer, l'Ue: ''Oltre 150 milioni agli agricoltori''. Ma è polemica

ROMA - Mentre l'istituto nazionale Robert Koch (Rki) ha rivisto al ribasso il bilancio delle vittime dell'epidemia di E. Coli in Germania portandolo a quota 21, rispetto alle 22 che erano state annunciate martedì mattina, negli ospedali ormai è allarme rosso. Continua infatti la crescita vertiginosa del numero dei pazienti ricoverati per accertamenti sull'infezione da batterio e le cliniche faticano a stare al passo con le richieste.

 

Sono circa 2.325 i casi registrati, tra Ehec e sindrome emolitica uremica. Intanto la Commissione europea è pronta a ritirare dal mercato le verdure invendute (cetrioli, pomodori, lattuga), pagandole un terzo del prezzo ai produttori europei. Si tratta di una delle proposte che il commissario europeo all'Agricoltura, Dacian Ciolos, ha messo sul tappeto come primo intervento urgente per tamponare la gravissima crisi provocata sui mercati agricoli dal giallo del batterio killer.

 

La cifra annunciata in partenza è di 150 milioni di euro, ma le critiche partite da diversi Paesi, Spagna su tutti e Italia inclusa, hanno spinto in serata Ciolos ad annunciare che "la Commissione europea rivedrà al rialzo" sia l'ammontare complessivo degli aiuti per gli agricoltori sia la percentuale di indennizzo che verrà data ai singoli produttori. La decisione finale verrà presa "verosimilmente martedì" prossimo.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -