Battisti libero, Napolitano: ''Decisione deplorevole''

Battisti libero, Napolitano: ''Decisione deplorevole''

Battisti libero, Napolitano: ''Decisione deplorevole''

Una "decisione deplorevole". Così il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha commentato la decisione del tribunale brasiliano di negare l'estrazione dell'ex terrorista Cesare Battisti, condannato a quattro ergastoli in Italia, concedendogli addirittura la libertà. Napolitano si è detto pronto ad "appoggiare ogni passo che l'Italia vorrà compiere, avvalendosi di tutte le istanze giurisdizionali cui compete assicurare il pieno rispetto delle convenzioni internazionali".

La decisione del tribunale supremo del Brasile, ha continuato Napolitano, "assume un significato gravemente lesivo del rispetto dovuto sia agli accordi sottoscritti in materia tra l'Italia e il Brasile sia alle ragioni della lotta contro il terrorismo condotta in Italia - in difesa delle libertà e istituzioni democratiche - nella rigorosa osservanza delle regole dello stato di diritto".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per tal ragione "deplora la decisione, che contrasta con gli storici rapporti di consanguineità e amicizia tra i due paesi, e rinnova l'espressione della sua vicinanza e solidarietà ai famigliari delle vittime degli orrendi delitti commessi da Cesare Battisti". Deluso anche il premier Silvio Berlusconi, secondo il quale la decisione "non tiene conto delle legittime aspettative di giustizia del popolo italiano ed in particolare dei familiari delle vittime di Battisti".

"Profonda delusione e tristezza" è stata espressa anche da Renato Schifani. Per il presidente del Senato quella di ieri è una brutta pagina, "che non vorremmo fosse mai stata scritta". Una decisione che "cancella la richiesta di giustizia che proviene dal nostro Paese" e "non permette di rendere giustizia alle famiglie delle vittime del terrorismo".

Sulla stessa linea anche il presidente della Camera, Gianfranco Fini, che ha appreso "sconcerto e amarezza", auspicando che il "governo italiano continui a perseguire con determinazione l'obiettivo di assicurare Cesare Battisti alla giustizia, garantendo il rispetto degli accordi internazionali vigenti tra i due paesi, e ristabilendo i principi della civiltà giuridica violati da una sentenza che turba profondamente il senso di giustizia del popolo italiano".

Commenti (4)

  • Avatar anonimo di roberto2000
    roberto2000

    Io personalmente condivido a pieno la decisione della Corte Suprema Brasiliana.

  • Avatar anonimo di Vittorio
    Vittorio

    Napolitano dovrebbe essere l'ultimo a parlare, si guardi un'attimo allo specchio, dica tre Ave- Marie e si passi la mano sulla coscienza con tutti i Flop che ha fatto nell'illegittimare certe leggi del Suo amico Bossi/Berlusconi, figuracce di cui la cronaca è piena compresi gli schiaffi ricevuti dalla corte Costituzionale in merito al Lodo Alfano !

  • Avatar anonimo di begallo
    begallo

    Povero Battisti, perseguitato dall'Italia.....già portando il nome di un vero Eroe lo disonora.....perennemente in fuga, salvo grazie alla pochezza intellettuale di qualcuno......(Dottrina Mitterand docet) vorrei vedere sel'Italia non avesse estradato a suo tempo qualche terrorista francese............adesso in nBrasile stessa storia......possibile che un tribunale brasiliano non abbia riconosciuto le sentenze di un tribunale italiano......si vede che il Soccorso Rosso funziona ancora.....

  • Avatar anonimo di vito1959
    vito1959

    diritto che non viene calpestato , sgomento pensando alle accuse di cui si presume responsabile , ma le regole in altri paesi vengono rispettate

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -