Berlusconi attacca Bersani: irresponsabile

Berlusconi attacca Bersani: irresponsabile

Berlusconi attacca Bersani: irresponsabile

ROMA - "Il partito dell'imposta patrimoniale e dell'ipoteca pubblica sul patrimonio immobiliare, che si organizza con ogni evidenza per un nuovo esproprio di ricchezza a vantaggio della casta statalista e centralizzatrice, non deve prevalere". Lo ha detto il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, commentando in toni negativi le reazioni dell'opposizione suscitate dalla proposta bipartisan lanciata con una lettera pubblicata lunedì sul "Corriere della Sera".

 

Il Cavaliere ha attaccato anche il Terzo polo: "Abbiamo sbarcato l'ultimo nucleo organizzato di politicanti incapaci di vedere oltre la frontiera della Prima repubblica. Chi si assumesse la responsabilità di sabotare con atteggiamenti ostruzionistici questo che è il programma votato dalla maggioranza degli italiani ne renderà conto agli elettori, giudici sovrani esclusivi della politica nazionale".

 

Quindi ha affrontato il tema dell'economia: "Entro la fine del mese di febbraio il governo riunirà gli Stati Generali dell'Economia e presenterà il suo rapporto per la crescita, con l'obiettivo di raggiungere entro cinque anni livelli di incremento del Prodotto interno lordo del 3-4 per cento. Senza una straordinaria frustata al cavallo, senza una irresistibile spinta di libertà e di autonomia a quella che resta una grande economia mondiale, senza uno stretto collegamento in Europa con l'economia tedesca e con quella francese, non c'è cura possibile per il debito pubblico".

 

Berlusconi ha parlato anche della riforma dell'art. 41 della Costituzione sulla libera iniziativa economica: "Venerdì prossimo iscriverò all'ordine del giorno del Consiglio dei Ministri la proposta di riforma costituzionale in senso liberalizzatore dell'articolo 41, già definita dal Ministro dell'Economia: in sei mesi dobbiamo arrivare a stabilire che è lecito intraprendere e fare tutto quello che non è espressamente vietato dalla legge".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il riferimento del capo del governo è in particolare al leader del Partito democratico, Pier Luigi Bersani, che aveva replicato secco alla proposta di un accordo sull'economia: "Berlusconi deve fare un passo indietro, togliere dall'imbarazzo se stesso e togliere dall'imbarazzo il Paese". "Per rivolgersi credibilmente all'opposizione - aveva detto il segretario del Pd - Berlusconi dovrebbe potersi rivolgere credibilmente al Paese e alla comunità internazionale, ma così non è. Noi nel ruolo che abbiamo siamo pronti a prenderci le nostre responsabilità ma lui deve fare un passo indietro e togliere dall'imbarazzo se stesso e togliere dall'imbarazzo e dalla paralisi il Paese".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -