Berlusconi: cambiare riforma pensioni. Poi smentisce: ''Mai detto''

Berlusconi: cambiare riforma pensioni. Poi smentisce: ''Mai detto''

Si concentrano sul tema delle pensioni le schermaglie politiche della domenica. A far discutere sono le dichiarazioni del candidato premier del Pdl, Silvio Berlusconi, che da Cernobbio aveva annunciato di voler cambiare la riforma delle pensioni per tornare alla ‘Maroni’. Oggi il dietrofront del Cavaliere dopo le aspre polemiche dei sindacati. “Non l’ho mai detto – ha chiarito il Cavaliere - è la solita strumentalizzazione frutto del tradizionale vizio stalinista”.


“Pdl sempre in vantaggio di dieci punti”. "Bisogna vigilare sugli scrutini che devono essere corretti, l'altra volta in Campania e in Calabria c'e' stato un blocco degli scrutini e poi hanno vinto loro. E' necessario che ci sia un 'esercito dei difensori della liberta'' che combatta i professionisti dei brogli che sono a sinistra". Cosi' Silvio Berlusconi da Como torna a lanciare l'allarme per possibili brogli alle elezioni del 13 aprile.


“Pronti a governare con umiltà”. "La situazione e' difficile, c'e' un senso di angoscia a dover governare in questa situazione, andremo al governo con tanta umilta', con spirito di sacrificio, con il buon senso che ci caratterizza". Lo ha detto il candidato premier del Popolo della Liberta' Silvio Berlusconi parlando ad un gazebo del Pdl nel centro di Como.

Berlusconi: ici e quoziente familiare per le famiglie. "Oggi e' la giornata della famiglia, che e' il pilastro della societa' e noi faremo tutto il possibile per aiutare le famiglie italiane". Lo ha detto il leader del Pdl Silvio Berlusconi al termine della sua visita alla casa-famiglia Cometa di Como dove sono ospitati numerosi bambini in affido. Il piano per la famiglia proposto da Berlusconi prevede l'abolizione dell'Ici sulla prima casa, l'introduzione del quoziente famigliare, la stabilizzazione del 5 per mille peril volontariato, un buono locazione, il piano casa e interventi a favore dei bambini che nascono.


“Difensori della libertà contro i brogli elettorali”. "Bisogna vigilare sugli scrutini che devono essere corretti, l'altra volta in Campania e in Calabria c'e' stato un blocco degli scrutini e poi hanno vinto loro. E' necessario che ci sia un 'esercito dei difensori della liberta'' che combatta i professionisti dei brogli che sono a sinistra". Cosi' Silvio Berlusconi da Como torna a lanciare l'allarme per possibili brogli alle elezioni del 13 aprile.

Fini: la sfida è al sud. "La partita alle elezioni si gioca nelle regioni del Meridione, al Nord e' gia' chiusa". Lo ha detto Gianfranco Fini in una conferenza stampa tenuta a Rende (Cosenza) nel secondo degli appuntamenti che lo vede impegnato oggi in Calabria. Il presidente di An non risparmia critiche a Veltroni: "Non e' venuto dalla luna, si e' dimenticato che nell'attuale governo c'e' Romano Prodi, fondatore del Partito democratico". Affronta, ma senza nominarlo direttamente, anche il caso Udc, rammaricandosi del fatto che "qualcuno non ha capito che se la coalizione ha vinto in passato bisognava rimanere uniti anche dopo".


Bertinotti: pronti a patto di opposizione con il Pd. Se come indicano i sondaggi il Pdl dovesse vincere le elezioni, Sinistra Arcobaleno e Pd potrebbero sottoscrivere un patto di opposizione al governo delle destra. Lo ha suggerito il candidato-premier Fausto Bertinotti intervenendo a "in Mezzora", la trasmissione condotta da Lucia Annunziata su Raitre. "Chiunque vinca -ha dichiarato Bertinotti- noi saremo utili comunque. Un conto e' la politica di alleanze, un altro e' la scomparsa. Una Sinistra che uscisse forte dalle elezioni, potrebbe stringere il Pd a una alleanza all'opposizione, ognuno conservando la propria identita' e con le sue politiche, ma per trovare delle convergenze sulle iniziative di lotta".


Casini: su temi etici Berlusconi e Veltroni poco convincenti. "Ne' Veltroni, ne' Berlusconi vogliono parlare di temi eticamente sensibili perche', e' chiaro, non sanno come destreggiarsi". Lo ha affermato il leader dell'Udc, Pier Ferdinando Casini, parlando alla Fiera del Levante di Bari nel corso di una manifestazione elettorale.

Boselli: 74mila iscritti pronti a vigilare sul voto. "Vogliamo un voto libero, democratico e corretto. Da questo punto di vista abbiamo qualche timore. I nostri 74 mila iscritti dovranno essere nei 65 mila seggi italiani. Affinche' vigilino sulla correttezza delle prossime elezioni". Lo ha detto Enrico Boselli intervenendo al comizio di apertura del Partito socialista che si e' tenuto a Napoli.

Storace (La Destra): Veltroni e Berlusconi, 2 supermercati simili. "Ormai Berlusconi ogni giorno ci dice votate per me o per Veltroni, due anni fa mica diceva votate per me o per Prodi. Sembrano due alleati, i gestori di due supermercati simili, uno e' Pd l'altro e' Pdl, anche nell'insegna. Vendono la stessa roba con qualche centesimo di differenza. Noi abbiamo questo bel negozio a conduzione famigliare che avra' successo". Cosi' il leader di La Destra, Francesco Storace, parlando a Trieste con i giornalisti della campagna elettorale per le politiche a margine di un comizio.

D’Alema (Pd): problema è il lavoro. "A volte quelli che lavorano, lavorano tanto, anche troppo. Ma ci sono altri che non hanno avuto la possibilita' di accedere al lavoro. Questo mi pare il vero, grande problema italiano". Lo ha detto Massimo D'Alema, a Bari per un incontro con l'Unione degli studenti, commentando le affermazioni di Silvio Berlusconi sul fatto che in Italia si lavora poco e sulla conseguente proposta di detassare gli straordinari.


Giordano (Sinistra): tg Rai intollerabili. "Con il procedere della campagna elettorale la situazione dell'informazione politica nei tg della Rai diventa sempre piu' intollerabile. L'esempio dei tg dell'ora di pranzo di oggi, ma anche quelli di ieri, e' drammaticamente eloquente: un diluvio di dichiarazioni di esponenti del Pd e della Pdl, pochi e a tratti incomprensibili secondi dedicati alle altre forze politiche". Lo afferma il segretario del Prc, Franco Giordano.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fronte nazionale, accordo con La Destra. In seguito ai colloqui intercorsi nei giorni scorsi con la dirigenza del movimento ''La Destra'', la direzione nazionale del Fronte Nazionale che si e' tenuta oggi ha ratificato la sottoscrizione dell'accordo con il movimento ''La Destra''. Ne' da notizia un comunicato del Fronte Nazionale guidato da Adriano Tilgher.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -