Berlusconi e Bossi saliranno al Quirinale: ''Fini deve dimettersi''

Berlusconi e Bossi saliranno al Quirinale: ''Fini deve dimettersi''

Berlusconi e Bossi saliranno al Quirinale: ''Fini deve dimettersi''

ROMA - Gianfranco Fini deve lasciare la poltrona da presidente della Camera. Non è super partes. Al termine del vertice che si è tenuto lunedì sera ad Arcore, all'indomani del discorso di Fini a Mirabello, Silvio Berlusconi ed Umberto Bossi hanno deciso di salire al Quirinale per chiedere le dimissioni del fondatore di Futuro e Libertà. In un comunicato i leader di Pdl e Lega hanno sottolineato come le parole di Fini siano state "unanimemente giudicate inaccettabili".

 

Durante la tradizionale cena del lunedì ad Arcore, che si è trasformata in un vertice di maggioranza con i leader del Pdl e Lega, Bossi ha ribadito la richiesta di andare alle elezioni già a novembre, ma secondo il presidente del Consiglio "se rottura ci dovrà essere, questa avverrà in modo plateale e dovrà essere chiaro che la responsabilità non è nostra", ma di Fini. Bossi ha inoltre assicurato Berlusconi che non appoggerà alcun governo tecnico, anche se guidato da Giulio Tremonti.

 

Il vertice, durato oltre tre ore e mezza, si è concluso con un documento congiunto Pdl-Lega Nord dove si ribadisce che il discorso di Fini a Mirabello è inaccettabile e che ormai il presidente della Camera è un uomo di parte. "Le sue parole - si legge nella nota - sono la chiara dimostrazione che svolge un ruolo di parte ostile alle forze di maggioranza e al governo, del tutto incompatibile con il ruolo super partes di presidente della Camera".

 

Per questo deve dimettersi. Nei prossimi giorni, Berlusconi e Bossi si recheranno al Quirinale perché "è quella la strada giusta". "Il primo passo non sarà presentare le dimissioni del governo ma chiedere che Fini sia spostato da presidente della Camera", conclude la nota.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -