Berlusconi fa causa a 'Repubblica', Franceschini: ''ci denunci tutti''

Berlusconi fa causa a 'Repubblica', Franceschini: ''ci denunci tutti''

Berlusconi fa causa a 'Repubblica', Franceschini: ''ci denunci tutti''

ROMA - "Ci denunci tutti". Reagisce così il segretario del Pd, Dario Franceschini, alla decisione del presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, di ricorrere al tribunale di Roma chiedendo un risarcimento danni per un milione di euro al Gruppo L'Espresso per le dieci domande formulate il 26 giugno da Giuseppe D'Avanzo definite dal premier "diffamatorie". Franceschini ha espresso la sua solidarietà e quella del Partito Democratico al direttore de "La Repubblica", Ezio Mauro.

 

"E' chiaro che ci troviamo di fronte a una indegna strategia di intimidazione nei confronti di un singolo giornale, dell'opposizione e di chiunque difenda i principi di un Paese libero che non ha precedenti in nessuna democrazia e che è anche un segno di paura e di declino - ha affermato il leader del Pd -. Il presidente del Consiglio non denunci solo Repubblica, ci denunci tutti".

 

''L'iniziativa mi pare inaccettabile e dieci volte sconsiderata'', gli ha fatto eco il candidato alla segreteria del Partito democratico, Pier Luigi Bersani. "Percorrendo questa strada - ha aggiunto- il presidente del Consiglio si vedrà costretto a chiamare in tribunale mezzo mondo''. Solidarietà al direttore de "La Repubblica", è stata espressa anche dall'altro candidato alla segreteria del Partito Democratico, Ignazio Marino.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -