Berlusconi: "I magistrati sono cancro della democrazia". Fischi e proteste

Berlusconi: "I magistrati sono cancro della democrazia". Fischi e proteste

Berlusconi: "I magistrati sono cancro della democrazia". Fischi e proteste

Fischi e dura contestazione per il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, durante il suo intervento all'assemblea annuale di Confesercenti. Il premier è stato aspramente criticato dopo l'ennessimo attacco rivolto alla magistratura, definita una "metastasi" della democrazia italiana. E poi ha ammesso davanti ai commercianti: "il governo fatica ad operare, non può intervenire come vorrebbe e ha le mani legate dall'attuale architettura istituzionale dell'Italia".

 

"Ho passato una nottata a guardare dei problemi che sembrano irrisolvibili - ha confessato Berlusconi - perché la situazione in cui siamo, l'architettura istituzionale, rende difficilissimo il lavoro di innovazione in tutte le direzioni. Credo che la volontà di operare non sia colta dai cittadini".

 

Riguardo ai pm, Berlusconi ha detto: "Sono costretto ogni sabato mattina, a preparare con i miei legali udienze in cui sono oggetto dell'attenzione dei pm o giudici politicizzati che sono la metastasi della democrazia".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E poi non ha dimenticato di ricostruire la sua vicenda, facendo sapere alla platea di Confesercenti che "dal '94 al 2006 sono stati 789 i pm e i magistrati interessati a sovvertire il voto degli italiani: ci sono riusciti nel '94 non ci riusciranno in questa presente situazione".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -