Berlusconi: il 2010 sarà l'anno delle riforme

Berlusconi: il 2010 sarà l'anno delle riforme

Berlusconi: il 2010 sarà l'anno delle riforme

ROMA - Il 2010 sarà l'anno delle riforme. Lo ha affermato il premier Silvio Berlusconi durante un collegamento telefonico con la "Comunità Incontro" di don Pierino Gelmini. Il presidente del Consiglio poi ha assicurato i suoi sostenitori: "Non mollerò e assolutamente continuerò nell'attività di governo. Dedicheremo questi nuovi momenti di Governo alla riforme per rimodernare lo Stato in tutti i suoi comparti. In sintonia con tutti gli italiani".

 

"L'ultimo sondaggio ci ha detto che due italiani su tre sono con noi. Questa maggioranza è solida e coesa", ha chiosato il Cavaliere. Berlusconi ha quindi spiegato che prima del 7 gennaio non riprenderà la piena attività politica: "Tornerò quando tutti i segni che porto ancora sul viso saranno spariti - ha detto il Cavaliere -. Sempre una volta di più dico che l'amore vince su tutto, non solo sull'odio che rende violente contro l'avversario politico le menti più fragili. Al contrario di ciò che noi facciamo perché noi rispettiamo l'avversario politico".

 

Il premier a poi garantito che l'Esecutivo proseguirà nella sua battaglia contro le droghe, assicurando il sostegno delle comunità di recupero dei tossicodipendenti: "Assicuro per il prossimo anno un rinnovato impegno del governo tutto in collegamento con le varie comunità, per un'Italia finalmente libera dalla droga". Affettuose e sentite le parole che don Gelmini ha rivolto a Berlusconi: "Io ti voglio bene e vorrei dirti ti amo. Qualcuno ti ha definito il diavolo - ha sostenuto il sacerdote - ma di solito si riconoscono diavoli coloro che diavoli sono. Noi ti vogliamo bene".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -