Berlusconi: ''No ai pasdaran alla Di Pietro''

Berlusconi: ''No ai pasdaran alla Di Pietro''

Berlusconi: ''No ai pasdaran alla Di Pietro''

ROMA - Completare le riforme, consolidare e rafforzare la casa di tutti i moderati e realizzare un nuovo assetto istituzionale. E' questo il percorso tracciato dal premier Silvio Berlusconi in un messaggio inviato ai suoi sostenitori dopo aver incassato martedì scorso la fiducia al Senato e anche alla Camera. Per il Cavaliere quanto accaduto al Parlamento "è la risposta che daremo a chi, inutilmente, ha cercato di sconfiggerci con una congiura di palazzo".


"Con il voto sulla fiducia al Senato e alla Camera, ancora una volta il senso di responsabilità ha avuto la meglio - ha evidenziato il Cavaliere - .Riprendiamo da oggi il cammino del buongoverno, proseguendo su tre linee fondamentali. Innanzi tutto il completamento dei cinque punti strategici sui quali avevamo avuto una fiducia ampia dal Parlamento il 29 settembre". Ed è a questo punto che arriva il monito ai finiani: "Voglio sperare che su questi cinque provvedimenti tutti i parlamentari che li hanno votati poche settimane fa siano coerenti con l'impegno assunto allora". 

 

L'obiettivo è "dare finalmente all'Italia istituzioni in grado di funzionare in modo adeguato ai tempi, superando il bicameralismo perfetto, riducendo il numero dei parlamentari, rinforzando i poteri del premier per garantire stabilità al governo e impedire ribaltoni e colpi di palazzo, una legge elettorale che garantisca bipolarismo e governabilità".

 

Il premier ha in progetto di "riunificare i veri moderati in un unico grande movimento politico, ovviamente senza quei pasdaran - ha attaccato il Cavaliere - che si schierano con Di Pietro e usano i toni, le calunnie e le false argomentazioni de ‘Il Fatto Quotidiano' e di ‘Repubblica'".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -