Berlusconi: ''Prodi fa piangere anche i poveri''

Berlusconi: ''Prodi fa piangere anche i poveri''

ROCCARASO - ''Il governo sta tagliaggiando tutti i redditi, e anche i poveri piangono''. Silvio Berlusconi, parlando via telefono a 'Neveazzurra', convention di Forza Italia a Roccaraso, in Abruzzo, non ha risparmiato critiche alle politiche fiscali del governo.


Berlusconi ha poi duramente attaccato la politica estera del governo Prodi. ''Gli Stati uniti ci hanno messo nella lista dei paesi su cui non si puo' contare, e questo non aiutera' le nostre esportazioni'', ha detto l’ex premier.


''L'Italia con Prodi si e' messa in asse con Parigi e Madrid – ha aggiunto Berlusconi -, servendo le ambizioni francesi di diventare punto di riferimento di un asse euro-arabico che esclude gli Stati uniti e che cerca alleanze con paesi come l'Iran”.


“I signori del governo strizzano l'occhio a hezbollah – ha spiegato ancora il presidente di Forza Italia - e non risparmiano critiche a Israele, dimenticando che e' l'unico presidio di democrazia in Medio Oriente''.


D’ALEMA: NON SIAMO ANTI-AMERICANI
''Non siamo antiamericani. Come sempre l'Italia e' stata amica dei paesi arabi e amica di Israele e collaboriamo con i grandi paesi europei e mediterranei come Francia e Spagna''. Cosi' il ministro degli Esteri Massimo D'Alema, a margine di una intervista al nuovo canale in inglese di Al Jazeera, ha risposto alle critiche lanciate oggi dal leader di Forza Italia Silvio Berlusconi che ha attaccato la politica estera italiana definendola antiamericana.


LEGA NORD: BOSSI TORNA IN PISTA

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

''La stagione dei congressi si chiudera' con il congresso federale e io mi ripresentero' per la segreteria''. Con queste parole Umberto Bossi ha confermato la sua volonta' di rimanere alla guida della Lega Nord e di non lasciare la segreteria federale del Carroccio malgrado la malattia che lo ha colpito nel marzo del 2004. Bossi chiude cosi' le indiscrezioni su di una sua possibile successione alla guida del movimento che ha fondato alla meta' degli anni Ottanta.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -