Berlusconi: ''Rimettere in piedi il Paese sarebbe un grande risultato''

Berlusconi: ''Rimettere in piedi il Paese sarebbe un grande risultato''

“Riuscire a rimettere in piedi il Paese dopo il declino in cui l'ha gettato la sinistra sarebbe già un grande risultato”. E’ quanto ha dichiarato il candidato premier del Pdl, Silvio Berlusconi, nella videochat di Corriere.it. “La responsabilità che andrò ad assumermi è enorme, maggiore rispetto a quella del 2001” ha aggiunto il Cavaliere. Poi l’attacco a Veltroni: ‘’altro non è che un funzionario che ha percorso tutte le tappe della carriera nel Partito comunista”.

“Solo con una grande fede, un grande coraggio, un grande spirito di sacrificio con la mia età e tutto quello che ho fatto io nella mia vita ci si può impegnare ad un compito così gravoso come quello di risollevare l’Italia” ha sottolineato il Cavaliere.

ALITALIA - Berlusconi ha spiegato che nel corso dei suoi precedenti governi era stato dato il via libera ad una nuova dirigenza e ad un piano industriale “che poi non è stato applicato”. A penalizzare il rilancio della compagnia di bandiera, secondo il leader del Pdl, è stata la concorrenza delle compagnie low cost. Il leader del Pdl ha inoltre sottolineato come sia inaccettabili le condizioni imposte da Air-France. “Per questo ho rivolto un appello agli imprenditori italiani, perché la compagnia di bandiera è il nostro biglietto da visita all'estero e i suoi uffici nel mondo sarebbero il primo contatto per portare turisti nel nostro Paese” ha detto Berlusconi, aggiungendo che non si possono ancora fare i nomi degli imprenditori italiani che sono intenzionati a fare parte della cordata perché la trattativa con il vettore franco-olandese è ancora in corso.

NUCLEARE – “Siamo gli unici che non hanno un'autonomia in campo energetico - ha fatto notare Berlusconi -. L'energia nucleare, quella che qualcuno chiama il fuoco della pace, è il sistema anche ecologicamente meno inquinante che si impone e si imporrà di qui in avanti. Abbiamo avuto il danno enorme da parte della sinistra negli anni 70 e 80”. “La tecnologia – ha dichiarato il Cavaliere - non è nemica dell'ambiente e non bisogna consegnarsi al fanatismo dei verdi”.

VELTRONI – Berlusconi non si è lasciato scappare l’occasione per attaccare il rivale Walter Veltroni, definendolo “un funzionario che ha percorso tutte le tappe della carriera nel Partito comunista”. “A sentirlo, a tratti, mi è venuto da dire voto anche io per lui – ha dichiarato il leader del Pdl -. Ma si è rivelato un vero e proprio bluff”. Chiusura totale sulle “grandi intese”. “Il centrodestra prevarrà e avrà una vasta maggioranza che gli darà l'onore e anche l'onere di governare” ha puntualizzato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

RIFIUTI – “Abbiamo diverse idee ma le stiamo finendo di mettere a punto. Ma lo dirò prima della fine della campagna elettorale” ha dichiarato Berlusconi.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -