Berlusconi: ''Voto anticipato sarebbe dannoso''

Berlusconi: ''Voto anticipato sarebbe dannoso''

Berlusconi: ''Voto anticipato sarebbe dannoso''

ROMA - Silvio Berlusconi, intervenendo telefonicamente con il primo convegno del Movimento di responsabilità nazionale, organizzato a Roma da Domenico Scilipoti, ha garantito che l'esecutivo andrà avanti "con la grande riforma del federalismo fiscale". L'operazione "permetterà di avere un unico codice fiscale" e "ridurrà il prelievo sulle imprese". Quanto all'eventualità delle elezioni anticipate, il premier ha evidenziato che "andare al voto ora sarebbe un grave danno".

 

Inoltre, ha aggiunto, la campagna elettorale "sarebbe infuocata" con le tensioni di questi giorni. Quindi è tornato sul "caso Ruby", che vede il presidente del Consiglio indagato con l'accusa di concussione e prostituzione minorile. "Il fatto che mi viene addebitato è un fatto che non sussiste, ho giurato sui miei nipoti e sui miei figli", ha detto Berlusconi, ricordando che "in tutti questi anni ho avuto 10 assoluzioni, 14 archiviazioni. Evidentemente ci sono giudici a Berlino".

 

Berlusconi ha inoltre annunciato che martedì il Consiglio dei ministri varerà "un piano straordinario che darà una scossa, la più grande scossa, all'economia italiana". Quindi ha ribadito che l'obiettivo del provvedimento è quello di "portare la crescita del pil al 4% in 3 anni». Poi c'è anche "la modifica dell'art.41 della Costituzione" che secondo Berlusconi sarà "una rivoluzione copernicana, una svolta epocale che pone le basi per una effettiva libertà d'impresa".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Significa - ha spiegato - che se uno deve aprire un albergo non deve chiedere come ora 18 autorizzazioni, ma potrà farlo e poi avrà una successiva visita amministrativa". Per il premier si tratta di "un principio liberale che finalmente potrà trovare applicazione", alleggerendo le imprese di oneri che "costano un punto di pil e secondo alcune stime 12 mila euro l'anno".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -