Bersani: ''L'11 dicembre in piazza contro il governo''

Bersani: ''L'11 dicembre in piazza contro il governo''

Bersani: ''L'11 dicembre in piazza contro il governo''

ROMA - Il Pd scenderà in piazza l'11 dicembre a Roma per "staccare la spina" ad un governo "che non c'è più". Ad annunciare l'iniziativa è stato il segretario del partito dei democratici Pier Luigi Bersani. Sabato il leader del Pd è tornato ad attaccare il premier, affrontando il caso Ruby e le vicende che stanno coinvolgendo il premier. "Se vuoi avere la patente per fare l'uomo pubblico devi essere una persona per bene", ha evidenziato Bersani.

 

"Non ci si può dimenticare che un minore è un minore, anche se non lo sembra, e non lo puoi sbattere sulla strada, non sono mica noccioline questa cose qua: sono idee devastanti".. Il fatto che siano coinvolti minori, incalza, "è drammatico e, al di là di tutto il chiacchiericcio, questo non è venuto fuori. Ma, dico, come immaginiamo l'adolescenza in questo Paese? È una vergogna. Non si possono fare e dire certe cose e governare un paese".

 

Bersani ha quindi rivendicato al suo partito il primato del radicamento sul territorio: "Siamo l'unico, vero partito a radicamento nazionale. A noi la Lega e Berlusconi ci fanno un baffo. Inutile che vengano a dirci che siamo un partito arroccato in due o tre regioni. Facciamo duemila feste democratiche dell'Unità all'anno".  

 

Bersani ha anche ammesso che il Pd deve rinnovarsi: "Non è ancora il partito che voglio io anche perché a me lo statuto non mi consente di usare le forbici per le potature"."L'80 per cento dei segretari provinciali - ha aggiunto - ha meno di 40 anni. E allora dico: "Avanti così"". E poi rivolto ai veterani del partito: "Voi delle altre generazioni date una mano, perchè sostenere il rinnovamento non vuol dire votare per quello più giovane e poi andare avanti. Vuol dire votare per quello più giovane e dargli una mano".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -